Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli ha portato su schermo solo una piccola parte del suo potenziale narrativo

Lo sceneggiatore, in una recente intervista, ha parlato come ha lavorato sul copione del film insieme ai Marvel Studios.

Da leggere

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

The Suicide Squad: James Gunn svela il motivo dell’assenza del Joker

In una recente intervista, James Gunn ha rivelato il motivo per cui ha preferito non utilizzare il Joker per...

Spider-Man: No Way Home – JK Simmons ha imposto il ritorno al look originale per J. Jonah Jameson

JK Simmons ha dovuto lottare perché il personaggio di J. Jonah Jameson tornasse in Spider-Man: No Way Home con...

Block title

Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli ha portato al cinema un nuovo eroe del Marvel Cinematic Universe

Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli è il nuovo lungometraggio Marvel Studios che, allo stato attuale, sta sbancando totalmente nelle sale di tutto il mondo, portando nuova linfa alle casse della company. La realizzazione, diretta da Destin Daniel Cretton (Il diritto di opporsi, Il castello di vetro), porta su schermo il primo ed importante supereroe asiatico dell’MCU, Shang-Chi appunto, maestro di arti marziali che ha debuttato nei fumetti de La Casa delle Idee negli anni ’70. Il film, come gli altri titoli del Marvel Cinematic Universe, è ispirato ovviamente a delle storie su carta, anche se c’è molta rielaborazione da parte degli sceneggiatori.

Shang-Chi - Cinematographe.it

Proprio a proposito di questo, Dave Callaham (Mortal Kombat, Zombieland – Doppio colpo), sceneggiatore di Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli, ha spiegato, in un’intervista per The Hollywood Reporter, il processo di creazione dello script della pellicola, rivelando di non conoscere per nulla Shang-Chi come personaggio. Per questo motivo, l’artista ha lavorato a stretto contatto con la produzione per scegliere la storia giusta a fumetti da portare su schermo, cercando di non portare nessuno stereotipo asiatico. Ovviamente l’autore ha dovuto selezionare il concept narrativo tra tantissime possibilità offerte, quindi quello che abbiamo visto al cinema è solo una piccola parte di quello che poteva essere narrato, potenzialmente.

Non conoscevo Shang-Chi come personaggio. Mi hanno regalato anche un sacco di fumetti. Alcuni dei più vecchi, quelli della storia delle origini, sono piuttosto problematici in termini di stereotipi asiatici. A parte questo, mi lasciavano fare le mie cose e mi facevano sapere quando pensavano che fosse bello e quando era pronto per Kevin, e poi ho mostrato Kevin il lavoro e siamo partiti con la troupe.

Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli vede un cast composto da Simu Liu nei panni del protagonista, Awkafina nella parte di Katy, Tony Leung che presta il volto a Wenwu/Il Mandarino, Benedict Wong (Wong) e altri. La realizzazione è nelle sale italiane dal 1° settembre.

Leggi anche Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli: l’uscita al cinema ha giovato a Disney

 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

Articoli correlati