Scary Stories to Tell in the Dark - Cinematographe.it

Guillermo del Toro e Andre Ovredal spiegano l’importanza di adattare Scary Stories to Tell in the Dark

Quando si tratta del genere horror, gran parte del gruppo vuole sempre i contenuti più macabri e disturbanti che si possano immaginare, cercando soggetti censurati o comunque vietati ai minori. Nel caso del nuovo adattamento Scary Stories to Tell in the Dark, tuttavia, è stata un’opportunità per portare in vita un certo numero di storie classiche dall’iconica serie di libri, tutti rivolti ad un pubblico abbastanza giovane. Come evidenziato dal trailer del film, la pellicola non si risparmierà quanto al tono spaventoso ma i produttori Guillermo del Toro e Andre Ovredal hanno voluto rivelare il proprio approccio al film e come hanno cercato di mantenerlo comunque adatto alle famiglie.

“Volevo che fosse un film horror piacevole per le famiglie”, ha spiegato del Toro a Vulture durante un’intervista per la promozione del film. “La famiglia è già un horror di per sé ma, a volte, con latte e biscotti, puoi trovare qualcosa di carino da guardare” poi ha aggiunto, “volevamo creare un’avventura per la famiglia.”

I libri sono stati scritti da Alvin Schwartz e presentano le orripilanti illustrazioni di Stephen Gammel, che nei primi sguardi al film hanno guadagnato l’ammirazione dei fan familiari con la serie per come il film avesse adattato accuratamente il materiale originale. Ovredal ha confermato la sua intenzione di voler onorare il materiale originale, ricercando il perfetto equilibrio tra humor e horror.

“Non volevamo seguire una strada troppo giovane, ma volevamo onorare il fatto che i libri fossero comunque per un pubblico più giovane”, ha specificato il regista. “Volevamo onorare sia il materiale che le storie.”

Quando è stato domandato ai due come hanno fatto a trovare il giusto tono per il film, del Toro ha spiegato l’importanza per lui di introdurre i ragazzi al genere horror in modi che li rispettino.

“La vera tragedia dell’horror è di non avere i tuoi genitori a parlartene”, dice il regista premio Oscar riguardo all’obiettivo del film. “Quando sei un ragazzino, sei curioso solo di due cose: il sesso e la morte. Il resto lo puoi capire dai manuali. Spesso i genitori sono timidi nel trattare certi argomenti. Quando viviamo in un grande mondo, possiamo evitare certe cose. Ma dobbiamo conoscere l’oscurità per conoscere anche la luce.”

Scary stories to tell in the dark: terrificanti creature nel trailer italiano

E continua, “è qualcosa su cui legare. Vorrei che mio padre e mia madre avessero guardato degli horror con me. Il mondo ti racconta tutto continuamente da ragazzino – nelle pubblicità dello shampoo o dello yogurt, nei film dove nessuno ti somiglia. I film horror ti dicono invece che c’è una parte oscura, ma non devi preoccuparti. Credo che sia molto importante.”

Scary Stories to Tell in the Dark arriverà nelle sale statunitensi il 9 agosto e in quelle italiane ad ottobre.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

Scopri il nostro Shop Online