Robin Williams, il figlio parla dei suoi problemi di salute: “Era frustrato”

L'amato attore si è suicidato nel 2014, all'età di 63 anni.

Da leggere

Alec Baldwin, parla il marito della donna uccisa: “È stato di grande aiuto”

Il marito di Halyna Hutchins prende le difese di Alec Baldwin in seguito all'incidente mortale sul set di Rust  Il...

Wonder Woman: a Milano una mostra per celebrare l’eroina DC

Wonder Woman viene omaggiata con una mostra che aprirà il 17 novembre 2021 Compie 80 anni il 21 ottobre Wonder...

Peter Scolari è morto: addio all’attore vincitore di un Emmy

Peter Scolari ha avuto una lunga e proficua carriera nel cinema ed era grande amico di Tom Hanks Peter Scolari,...

Block title

Robin Williams si sentiva “frustrato” per i suoi problemi di salute dopo una diagnosi errata di Parkinson, rivela il figlio Zak

Il figlio di Robin Williams, Zak, ha parlato della diagnosi errata di Parkinson di suo padre, la sua lotta contro la depressione e l’ansia e di come l’intera esperienza lo ha portato ad avere un PTSD (disturbo da Stress post traumatico). In un’intervista con Max Lugavere del podcast The Genius Life, il 38enne Zak Williams ha rivelato i sentimenti condivisi di “frustrazione” che l’intera famiglia ha provato all’epoca. L’intera conversazione è avvenuta in concomitanza con quello che sarebbe stato il 70° compleanno dell’attore di Jumanji.

L’amato attore è morto suicida nel 2014, all’età di 63 anni. L’autopsia ha rivelato che l’attore soffriva inconsapevolmente di demenza da corpi di Lewy, una malattia incurabile che colpisce il cervello. Prima della sua morte, era in cura per il morbo di Parkinson, erroneamente diagnosticato.

Quello che stava attraversando non corrispondeva alle diverse esperienze dei pazienti di Parkinson. È stato un periodo per lui di intensa ricerca e frustrazione, è stato devastante.

La demenza da corpi di Lewy provoca lo sviluppo di depositi proteici nelle cellule nervose nelle regioni del cervello coinvolte nel pensiero, nella memoria e nel movimento (controllo motorio), che inibiscono sia il sistema nervoso centrale che quello autonomo. “Quello che ho visto è stata frustrazione”, ha detto Williams sulla diagnosi errata del padre.

Aveva problemi a concentrarsi, c’erano problemi associati a come si sentiva e anche da una prospettiva neurologica non si sentiva bene. Era molto a disagio… Quei farmaci [quelli per il Parkinson ndr] non sono uno scherzo. Sono anche molto duri per la mente e il corpo.

“Non potevo fare a meno di provare empatia. Non potevo fare a meno di sentirmi frustrato per lui”, ha aggiunto il figlio. “Può essere davvero isolante anche quando sei con la famiglia e i tuoi cari… È stato un periodo molto lungo, più lungo di quanto non fosse in realtà perché è stato un periodo per lui di intensa ricerca e frustrazione. Dal mio punto di vista è stato un periodo così triste perché lo amavo così tanto come papà, ma era anche uno dei miei migliori amici e abbiamo trascorso così tanto tempo insieme”.

Leggi anche – Robin Williams e quella volta che rivelò la sua depressione sul set di Mrs. Doubtfire

robin williams

Zak Williams ha anche rivelato di provare molta empatia per le famiglie che stanno attraversando questa esperienza perché è semplicemente “devastante”. Dopo la morte del padre ha parlato con un psichiatra, dopo aver cercato di combattere il dolore con l’abuso di alcool, che gli ha diagnosticato un disturbo da stress post-traumatico. Zak Williams ora è sobrio da quattro anni e lavora con organizzazioni di salute mentale come Bring Change to Mind, un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata a incoraggiare il dialogo sulla salute mentale e ad aumentare la consapevolezza, la comprensione e l’empatia.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Alec Baldwin, parla il marito della donna uccisa: “È stato di grande aiuto”

Il marito di Halyna Hutchins prende le difese di Alec Baldwin in seguito all'incidente mortale sul set di Rust  Il...

Articoli correlati