Robin Williams e quella volta che rivelò la sua depressione sul set di Mrs. Doubtfire

Una spiacevole esperienza per la giovanissime attrice li fece avvicinare e aprirsi su temi anche molto delicati

Da leggere

Cento Giorni di Felicità: il libro di Fausto Brizzi diventa un film in Cina

La Bridging the Dragon, l'associazione che raccoglie produttori cinematografici sino-europei, ha raggiunto un accordo con la società di produzione...

The Flash: il Batman di Ben Affleck sfreccia tra le strade di Glasgow [FOTO]

Le riprese di The Flash continuano senza sosta. Le nuove foto rubate dal set apparse nelle ultime ore sul...

Chi è Callum Turner? Biografia, carriera e vita privata dell’affascinante attore del film Netflix L’ultima lettera d’amore

Forse guardando il film L’ultima lettera d’amore, prodotto da Netflix, avete messo gli occhi sull’affascinante Callum Turner. Sebbene non...

Robin Williams raccontò i suoi disturbi depressivi sul set di Mrs Doubtfire a Lisa Jakub, che nella pellicola portava in scena Lydia, la primogenita del protagonista Daniel, il divorziato travestitosi da tata per vivere coi propri figli. A raccontarlo ci ha pensato la stessa interpreta in un’intervista concessa ad Are the Kids Alright?.

Robin Williams depressione: la testimonianza alla giovanissima attrice

Lo stesso giorno in cui Robin Williams si aprì con la ragazza, anche a lei era arrivata una notizia assai spiacevole, che nel caso di un adolescente può rivelarsi distruttiva. Difatti, la high school da lei frequentata decise di espellerla, poiché i dirigenti scolastici ritenevano troppo problematico proseguire la sua istruzione a distanza, sicché i set la assorbivano parecchio tempo, e ciò l’aveva alquanto scossa.

Robin Williams si rese conto che qualcosa non quadrasse e le chiese spiegazioni. Una volta appreso il fatto, la star hollywoodiana scrisse una lettera all’istituto, spiegando che la giovane era impegnata con lui sul set da tre mesi, invitando a riconsiderare la drastica scelta e dicendosi disposto a collaborare affinché portasse avanti la sua preparazione in quel periodo.

Una studentessa del suo calibro – scrisse l’artista – dovrebbe essere spronata a conoscere il mondo pure attraverso il lavoro e a rientrare in classe a condividere la sua esperienza con i compagni di classe, una volta giunta a termine.

Purtroppo, il tentativo fallì, ma l’episodio consentì ai due di costruire un legame profondo, stile padre-figlia. Capitava, dunque, che talvolta affrontassero argomenti molto personali e delicati. Robin Williams giunse a parlare con la giovane collega delle dipendenze contro cui aveva combattuto e della continua ricerca del benessere mentale perseguita invano.

Le lezioni di vita di Robin Williams: 6 frasi da ricordare per vivere meglio

La vicenda avvenne 21 anni prima che Williams si togliesse la vita, in seguito alla diagnosi dei primi sintomi del morbo di Parkinson. Eppure, nell’agosto del 2014 Lisa Jakub e ne ricordava bene le confessioni.

Talmente rimase colpita dalle parole di Robin Williams che, abbandonato il cinema nel 2000, divenne una stimata mental wellness coach. Ogni giorno mette in campo sé stessa cosicché le persone in stato di fragilità mentale abbiano vicino qualcuno, disposto a supportarle, nella stessa maniera in cui Williams fece con lei.

Leggi anche Javier Bardem dice addio alla madre e spiega perché ha deciso di affrontarne la morte col sorriso [FOTO]

Ultime notizie

Cento Giorni di Felicità: il libro di Fausto Brizzi diventa un film in Cina

La Bridging the Dragon, l'associazione che raccoglie produttori cinematografici sino-europei, ha raggiunto un accordo con la società di produzione...

Articoli correlati