Robin Williams: a spingerlo al suicidio potrebbero essere state delle allucinazioni visive, causate dalla demenza da corpi di Lewy

La malattia delle quale Robin Williams era affetto potrebbe aver esercitato un ruolo fondamentale nel suicidio

Da leggere

Cento Giorni di Felicità: il libro di Fausto Brizzi diventa un film in Cina

La Bridging the Dragon, l'associazione che raccoglie produttori cinematografici sino-europei, ha raggiunto un accordo con la società di produzione...

The Flash: il Batman di Ben Affleck sfreccia tra le strade di Glasgow [FOTO]

Le riprese di The Flash continuano senza sosta. Le nuove foto rubate dal set apparse nelle ultime ore sul...

Chi è Callum Turner? Biografia, carriera e vita privata dell’affascinante attore del film Netflix L’ultima lettera d’amore

Forse guardando il film L’ultima lettera d’amore, prodotto da Netflix, avete messo gli occhi sull’affascinante Callum Turner. Sebbene non...

Quella dell’11 agosto 2014 è una data che rievoca terribili ricordi per tutti i fan della compianta icona di Hollywood, Robin Williams. I vigili del fuoco trovarono il suo corpo nella casa di Paradise Cay (California) intorno a mezzogiorno. Successivamente, le Forze dell’Ordine confermarono la tesi del suicidio, asserendo che l’interprete si era tolto la vita.

Da tempo soffriva di una patologia neurodegenerativa che, tra i sintomi, comprende frequenti allucinazioni visive, le stesse che potrebbero aver indotto il protagonista di Mrs. Doubtfire al gesto estremo in un periodo particolarmente delicato riguardo alle sue condizioni di salute.

Robin Williams malattia: la demenza da corpi di Lewy

Stasera in tv - cinematographe.it

Da circa un anno, oltre che di allucinazioni, Robin Williams soffriva di attacchi di panico, paranoia, insonnia, problemi di stomaco, tremori alla mano sinistra, perdite di memoria (che, per la prima volta, lo colpirono durante le riprese di Notte al museo – Il segreto del faraone) e ulteriori disturbi. L’aggravarsi del quadro clinico ha reso parecchio complicati i suoi ultimi giorni.

La diagnosi è riconducibile alla demenza da corpi di Lewy, una malattia affine al Parkinson, diagnosticatagli in precedenza. Nel corso di un’intervista concessa all’emittente americana Abc, la consorte di Williams, Susan Schneider, affermò che il defunto marito correva persino il rischio di essere “internato”.

Alla fine – raccontò la compagna di Robin Williams – aveva smarrito pure il controllo della sua voce. Era completamente pulito, sobrio, ma combatteva contro ansie di varia natura. Da qui, presumibilmente, l’origine del suo gesto. Un gesto non immaginato né dagli ammiratori né da chi ci viveva insieme.

L’amara scoperta ha fatto tremendamente piangere chiunque gli volesse bene. Subito dopo i tragici eventi Susan dichiarò di avere il cuore spezzato per tale perdita, avvenuta in circostanze tanto terribili.

Leggi anche Robin Williams e quella volta che rivelò la sua depressione sul set di Mrs. Doubtfire

Ultime notizie

Cento Giorni di Felicità: il libro di Fausto Brizzi diventa un film in Cina

La Bridging the Dragon, l'associazione che raccoglie produttori cinematografici sino-europei, ha raggiunto un accordo con la società di produzione...

Articoli correlati