Peter Lamont: morto a 91 anni lo scenografo premio Oscar per Titanic

La notizia della morte di Peter Lamont è stata confermata dai produttori di Bond Michael G. Wilson e Barbara Broccoli.

Da leggere

Elle – Isabelle Huppert e quella sconvolgente lettura dello stupro: “nel film la violenza mi libera”

Elle è un film del 2016 diretto da Paul Verhoeven e con protagonista Isabelle Huppert, presentato al Festival di...

Blanca dove è ambientata? Le location liguri della fiction Rai

Siamo tutti pazzi per Blanca, detective story in sei episodi targata Rai che porta il nome della sua protagonista,...

Fino alla verità: storia di due sequestri – recensione della serie Netflix

Disponibile su Netflix dal 23 novembre 2021, Fino alla verità: storia di due sequestri è una nuova serie che...

Block title

Lo scenografo premio Oscar, direttore artistico e arredatore Peter Lamont è morto

Peter Lamont, insieme al collaboratore di lunga data Peter Ford, è stato responsabile dell’estetica di quasi tutti i film di James Bond da Goldfinger fino a Casino Royale del 2006. È stato quattro volte candidato all’Oscar, portando a casa il trofeo per la decorazione artistica di Titanic, mentre Ford è stato premiato per la decorazione del set del film. Lamont è stato anche nominato per Fiddler on the Roof, La spia che mi amava e e Aliens.

La notizia della sua morte è stata confermata dai produttori di Bond Michael G. Wilson e Barbara Broccoli, che hanno dichiarato sull’account Twitter ufficiale di 007:

Peter Lamont era un membro molto amato della famiglia Bond e un gigante del settore. Inestricabilmente legato al design e all’estetica di James Bond sin da Goldfinger (1964).

 L’unico film di James Bond di cui Lamont non ha curato le scenografie nei suoi 40 anni di carriera nel franchise è stato Il domani non muore mai del 1997. Lui e Ford erano in trasferta quell’anno per conquistare il loro Oscar per Titanic.
Broccoli e Wilson hanno anche lodato Lamont come “una vera storia di successo“, dicendo che la sua vita è stata la prova “che con talento e duro lavoro puoi realizzare i tuoi sogni“.

Ha trasmesso i suoi talenti al figlio Neil, che ha lavorato con suo padre su Titanic e alcuni dei film di Bond prima di diventare lui stesso supervisore artistico della maggior parte dei film di Harry Potter. Il giovane Lamont è stato anche supervisore art director di Star Wars: Episodio VII – Il risveglio della forza. In seguito è diventato scenografo di due spin-off di Star Wars, Rogue One: A Star Wars Story e Solo: A Star Wars Story.

Leggi ancheSean Connery: ufficializzata la causa della morte del mitico James Bond

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Elle – Isabelle Huppert e quella sconvolgente lettura dello stupro: “nel film la violenza mi libera”

Elle è un film del 2016 diretto da Paul Verhoeven e con protagonista Isabelle Huppert, presentato al Festival di...

Articoli correlati