Umberto Lenzi

Ci ha lasciato a 86 anni Umberto Lenzi (Massa Marittima, 6 agosto 1931), regista, sceneggiatore e scrittore italiano, tra i maggiori esponenti del genere poliziottesco. Ha infatti diretto titoli divenuti dei film cult del genere, come Milano odia: la polizia non può sparare, Roma a mano armata e Napoli violenta. Era solito firmarsi con degli pseudonimi, talvolta come Hank Milestone oppure Humphrey Humbert o ancora Harry Kirkpatrick. Umberto Lenzi si è sempre dichiarato anarchico, dal punto di vista politico. Tra i suoi maestri, il regista ha sempre messo al primo posto Raoul Walsh e Samuel Fuller. Nel 2008 ha debuttato nella veste di scrittore di noir.

Umberto Lenzi ha firmato la sua prima vera regia cinematografica (di un film distribuito) nel 1961 con Le avventure di Mary Read. In seguito si è dedicato alla rilettura dei classici salgariani con opere come Sandokan, la tigre di Mompracem (1963). Seguendo l’onda delle nuove tendenze cinematografiche, riesce a sfruttare di volta in volta i generi che hanno più seguito; sull’ onda del successo della serie di James Bond 007 – ad esempio – in due anni gira quattro film di spionaggio, tra cui A 008, operazione Sterminio (1965) e Superseven chiama Cairo (1965).

In seguito alla nascita del genere cinematografico italiano denominato come “poliziottesco” col film La polizia ringrazia (1972), per la regia di Steno, Umberto Lenzi trova finalmente la sua strada più proficua, risultando il più prolifico cineasta di questo genere e firmando alcune tra le più apprezzate (più da parte del pubblico che dalla critica) opere del decennio. A dare la notizia è stato il giornalista Paolo Spagnuolo attraverso Facebook.

[amazon_link asins=’B00K8FN2ZW,B0015S4KWU’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’7f7e0ace-b4bb-11e7-b0d6-e73453764d36′]

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto