Luca Guadagnino, Il signore delle mosche, We are Who we Are, Luca Guadagnino Cinematographe.it

Luca Guadagnino ha risposto alle vecchie accuse per aver scritturato due attori etero per Chiamami col tuo nome 

Luca Guadagnino è tornato in modalità Chiamami col tuo nome con la sua nuova serie HBO We Are Who We Are il che spiega perché The Independent ha recentemente chiesto al regista di commentare alcune delle controversie che hanno accompagnato l’uscita del suo film drammatico vincitore dell’Oscar nel 2017. Un punto di contesa sul film è stata la mancanza di nudità maschile frontale completa, con lo sceneggiatore di Chiamami col tuo nome James Ivory che ha accusato Luca Guadagnino per quella rimozione.

Nessuno che conosce il mio lavoro può dirmi con una faccia seria che sono timido nel mostrare la nudità maschile o femminile o di altro genere“, ha detto Guadagnino. “Quindi, la critica o l’appunto che James ha fatto era, in un certo senso, priva di pragmatismo o di una relazione con il film stesso. La mia domanda per lui è: questo film ha bisogno della nudità maschile frontale completa? Non credo proprio. Non ne ha bisogno.
Luca Guadagnino ha aggiunto: “Forse la sceneggiatura che ha scritto – che era una bozza che poi ho rielaborato con il mio editore – raccontava questa storia attraverso la prospettiva di un tipo di nudità molto espositivo. Ma quella sarebbe stata la sua idea del film che, purtroppo, non abbiamo visto. Quindi non lo so. Penso che James fosse un po’ sordo riguardo alla situazione.

Venezia 77 – Fiori, Fiori, Fiori!: recensione del corto di Luca Guadagnino

Ivory, che ha vinto l’Oscar per la migliore sceneggiatura adattata per Chiamami col tuo nome, ha rivelato nell’ottobre 2017 che “c’era ogni sorta di nudità” nella sua sceneggiatura originale. La nudità è stata rimossa dopo che Guadagnino ha rifinito la sceneggiatura e gli attori Armie Hammer e Timothee Chalamet hanno firmato senza clausole di nudità frontale nei loro contratti. Ivory ha criticato tale modifica al suo copione, dicendo a Variety: “Quando le persone girovagano prima o dopo aver fatto l’amore, e sono decorosamente ricoperte di lenzuola, mi è sempre sembrato falso. Non mi è mai piaciuto farlo.”

Luca Guadagnino ha definito la sua decisione di non mostrare la nudità una scelta artistica. Per quanto riguarda le critiche contro il casting di attori etero come Timothée Chalamet e Armie Hammer in ruoli gay, Guadagnino ha rifiutato l’idea di attribuire una sessualità sui suoi attori. Il regista ha detto a The Independent: “Onestamente non credo di avere il diritto di decidere se un attore è etero o no. Chi sono io per sapere cosa qualcuno pensa di se stesso dentro di sé? Sì, Armie è un uomo etero con moglie e figli e lo stesso si può dire di Timothée. Ma chiedo loro di giurare sulla loro sessualità, sulla loro identità, sui loro desideri, prima di ingaggiarli? Io no.

Guadagnino ha continuato: “Se dovessi scegliere quello che la gente pensa sia la cosa fondamentale per un ruolo, non sarei in grado di farlo. Non posso scegliere un uomo gay per interpretare Oliver. Devo scegliere Oliver per interpretare Oliver perché le identità degli uomini gay sono molteplici come i fiori nel regno della terra. Quindi, non esiste un’identità gay. Una persona gay è completamente diversa da un’altra con lo stesso orientamento sessuale “. “Quindi, se devo essere preciso su questo tipo di osservazione noiosa, potrei scegliere Oliver ma Oliver non esiste“, ha concluso il regista.

È una creatura dello scrittore André Aciman. Torniamo all’ultimo punto che voglio sottolineare, ovvero che la bellezza della recitazione è la possibilità di creare e incarnare nuovi sé attraverso l’arte della recitazione“. Similmente a Chiamami col tuo nome, We Are Who We Are di Luca Guadagnino esplora i desideri sessuali in crescita e gli orientamenti sessuali dei protagonisti adolescenti, quando diventano maggiorenni.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE