Love Actually: Hugh Grant, Laura Linney ed altri membri del cast rivelano alcuni segreti sul film in occasione del 20° anniversario

Durante uno speciale televisivo per il 20° anniversario, il cast ha rivelato alcuni interessanti segreti e retroscena del film.

Love Actually, commedia romantica del 2003, è diventata con il passare degli anni una delle pellicole simbolo del Natale, entrando a far parte della tradizione delle Feste di tantissime famiglie. Un cast corale ed all star da infatti vita ad una serie di storie ambientate nelle settimane prima del 25 dicembre, in una girandola di eventi destinati ad incrociarsi ed incontrarsi. Ora, in occasione del 20° anniversario del film, alcuni membri del cast – fra cui Hugh Grant e Laura Linney – si sono riuniti per uno speciale televisivo, nel quale hanno raccontato e condiviso segreti, dietro le quinte ed esperienze avvenute sul set.

Love Actually – La reunion del cast per il 20° anniversario

Love Actually 20° anniversario - Cinemtographe.it

Dal film, in realtà, sono passati 19 anni ma il cast ha deciso di riunirsi ugualmente in occasione dell’avvicinarsi del Natale. Allo speciale televisivo, condotto da Diane Sawyer, hanno quindi preso parte nomi noti del cast di Love Actually – Hugh Grant, Emma Thompson, Bill Nighy e Laura Linney – ed altri, all’epoca del film, ancora emergenti – Olivia Olson e Thomas Brodie-Sangster, visto di recente al fianco di Anya Taylor-Joy nella serie Netflix La regina degli scacchi.

Leggi anche Love Actually – Andrew Lincoln e la sconvolgente opinione sul suo personaggio: “È uno stalker”

Il cast, quindi, ha cercato di metabolizzare la complessa e bizzarra esperienza di girare una pellicola divenuta non solamente una tradizione ma anche qualcosa in grado di toccare i sentimenti degli spettatori. Emma Thompson, la prima volta che ha guardato Love Actually, ha pensato che “il film fosse decisamente sopra le righe”. Sensazione condivisa da Hugh Grant, come ha continuato a raccontare la stessa Thompson: “Hugh è venuto dietro di me ed ha detto: Correggimi se sbaglio, ma è la cosa più psicotica a cui abbiamo partecipato? Io ho solo pensato: Ma di cosa sta parlando”? Grant, in realtà, ha ammesso di non ricordare l’episodio ma ha comunque voluto chiarire il suo punto di vista: “È un po’ psicotico. È Richard (Curtis, il regista e sceneggiatore del film) sotto steroidi. Il monologo che scrive sull’amore, insomma è piuttosto raro”.

Love Actually 20° anniversario - Cinematographe.it

Durante lo speciale sono poi stati rivelati alcuni segreti rimasti “nascosti” sin dall’uscita del film, non rivelati nemmeno dalle parodie del Saturday Night Live e dai video su TikTik. Ad esempio i cartelloni usati da Mark per dichiararsi a Juliet (Keira Knightley) sono stati scritti proprio da Andrew Lincoln, mentre il cappello da “ragazzo dei giornali” indossato da Juliet serviva a coprire un brufolo sulla fronte dell’attrice. Ma la confessione più grandiosa è stata quella sulla virale scena di ballo di Hugh Grant, che l’attore non voleva assolutamente girare: “L’ho visto sulla sceneggiatura e ho pensato che avrei odiato farlo. Non mi piaceva affatto ballare, figuriamoci recitarlo”. Esitazione confermata dal regista Richard Curtis, presente allo speciale televisivo: “Hugh Grant era scontroso ma sapeva si trattasse di un obbligo contrattuale. Penso che sperasse mi ammalassi o una cosa del genere (…).” Hugh Grant ha infine aggiunto che era totalmente fuori tempo all’inizio della sequenza, soprattutto quando “muove il c***o”, ma che è stata una sua idea far entrare la segretaria del Primo Ministro nella stanza: “Mi prenderò quel merito, è stata una mia idea che quella segretaria entrasse e mi prendesse in giro. Ad oggi, ci sono tantissime persone che pensano sia la scena più straziante mai girata, ma ad altri invece piace”. A distanza di vent’anni dunque, Love Actually continua a stupire e divertire persino il cast.

Leggi anche Love Actually: Hugh Grant non si ricorda cosa succede nel film!

Fonte: ET News

Articoli correlati