Justice League, Cinematographe.it

Zack Snyder sta stuzzicando i fan con il ritorno di Jonathan Kent nel suo prossimo Snyder’s Cut di Justice League, che uscirà su HBO Max nel 2021

Questa non sarebbe la prima volta che papà Kent, interpretato da Kevin Costner, appare nell’arco cinematografico DC di Snyder, dopo la sua morte ne L’uomo d’acciaio: il personaggio è apparso anche in una scena di Batman v Superman: Dawn of Justice, dove si mostra come frutto della mente di Clark Kent / Superman (Henry Cavill).
Non è stato detto come un suo ritorno si adatterebbe alla trama di Justice League di Zack Snyder, ma è almeno bello sapere che Costner sarà presente (con grande probabilità).

Inutile dire che la versione di Kevin Costner di Jonathan Kent è ancora uno degli elementi più divisivi de L’uomo d’acciaio di Zack Snyder. Nella visione di Snyder, Jonathan Kent ha rappresentato in realtà un contrappunto più cupo alle inclinazioni eroiche di Kal-El / Clark Kent. In due scene ormai famigerate del film, Jonathan mette in guardia un adolescente Clark Kent sul fatto che potrebbe non essere in grado di salvare tutti quelli che vorrebbe salvare e che deve chiedersi se dovrebbe farlo. La scena finale del padre del futuro Superman lo vede fermare Clark dall’istinto di salvarlo da un tornado in arrivo, al fine di mantenere i suoi poteri di segreti dalla folla che guarda.

Entrambe le interpretazioni di Jonathan Kent hanno offeso alcuni fan di Superman, che ritengono che il padre terreno di Kal-El avrebbe dovuto essere il custode dei suoi valori tutti americani e della sua natura eroica. Tuttavia, c’è sempre stata un’indicazione che la saga cinematografica di Zack Snyder DC (che include L’uomo d’acciaio, Batman v Superman e Justice League) stava costruendo un lungo gioco tematico.

Superman: Henry Cavill smorza i rumor sul suo possibile ritorno

Snyder ha iniziato con temi di Superman complicati e moralmente oscuri in un mondo post 11 settembre, ma è stato sempre suggerito che attraverso Justice League avremmo visto il Superman di Henry Cavill letteralmente e figurativamente ottenere la seconda vita come un simbolo di speranza molto più luminoso. Avere Jonathan Kent parte di quel processo di trasformazione non porterebbe solo a compimento un grande pezzo dell’arco della storia di Superman di Snyder, ma rivendicherebbe anche i molti fan che si sono schierati con le idee stimolanti che Snyder ha messo in scena ne L’uomo d’acciaio.

Lo Snyder’s cut di Justice League ha quindi l’opportunità di mostrarci l’altro lato di Jonathan Kent, che ha instillato in Clark il senso di umiltà, nobiltà ed equità, che ha creato il Superman che conosciamo e amiamo. Il superuomo che Henry Cavill può così portare avanti nelle sue prossime apparizioni cinematografiche nell’universo DC.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE