jeremy renner cinematographe.it

La stella dei Vendicatori Jeremy Renner chiede una riduzione degli alimenti a causa dell’impatto del Coronavirus sul suo reddito

Jeremy Renner è noto al grande pubblico per aver interpretato, negli ultimi anni, il ruolo dell’arciere Occhio di Falco nel Marvel Cinematic Universe. Lui è il migliore amico di Natasha Romanoff, la Vedova Nera interpretata da Scarlett Johansson.

La pandemia da Coronavirus ha avuto un effetto devastante sull’economia globale e molti si sono ritrovati senza lavoro mentre le aziende bloccavano la produzione per rallentare la diffusione del virus. Sembra che Jeremy Renner sia tra i molti che hanno visto il proprio reddito influenzato dalla pandemia e ora la star dei Vendicatori chiede – di conseguenza – pagamenti ridotti per l’assistenza ai figli.

Marvel: MODOK è pronto a fare il suo ingresso nel MCU?

TMZ ha ottenuto documenti che sono stati archiviati da Jeremy Renner lunedì in cui la star dei Vendicatori chiede a un giudice di ridurre la quantità di denaro che serve per l’assistenza ai figli che paga all’ex moglie, Sonny Pacheco. Secondo il mediaì l’attore afferma che le sue entrate sarebbero diminuite per l’anno in corso perché ha completato i lavori sui film Avengers dei Marvel Studios, ma la pandemia da coronavirus ha influenzato il lavoro che aveva in programma per questi mesi ed “è probabile che la maggior parte delle produzioni non riprenderà prima della fine dell’anno. Pertanto, i progetti che avevo in programma al cinema quest’anno saranno probabilmente cancellati o rinviati.”

Jeremy Renner attualmente paga trentamila dollari ogni mese alla sua ex moglie per le cure della figlia Ava. Mentre la stella dei Vendicatori non specifica di quanto desidera ridurre i suoi pagamenti, secondo quanto riferito, i “bisogni ragionevoli” di sua figlia ammontano a circa 11.000 dollari al mese.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE