Ivan Reitman è morto: addio al mitico regista di Ghostbusters

Il celebre produttore e regista è morto nel sonno il 12 febbraio scorso.

Ivan Reitman, il regista di Ghostbusters, è morto a 75 anni

Il produttore e regista Ivan Reitman, le cui commedie di enorme successo degli anni ’70 e ’80 includono il blockbuster Ghostbusters, è morto nel sonno il 12 febbraio scorso a Montecito, in California. Lo ha confermato la sua famiglia all’Associated Press. Aveva 75 anni. La causa della morte non è stata ancora resa nota. “La nostra famiglia è in lutto per l’inaspettata perdita di un marito, padre e nonno che ci ha insegnato a cercare sempre la magia nella vita”, hanno detto i suoi figli, il regista Jason Reitman, Catherine Reitman e Caroline Reitman in una dichiarazione congiunta. “Ci conforta il fatto che il suo lavoro come regista abbia portato risate e felicità a innumerevoli altre persone in tutto il mondo. Mentre piangiamo in privato, speriamo che coloro che lo hanno conosciuto attraverso i suoi film lo ricorderanno per sempre”.

Nato in Cecoslovacchia e cresciuto in Canada, Reitman è divenuto noto ai più producendo la commedia Animal House (1978) con protagonista John Belushi. È poi passato alla regia di lungometraggi e, i suoi primi due grandi successi, gli hanno fatto conoscere due delle star che andranno a comporre il cast del suo più grande successo al botteghino, Ghostbusters. Stiamo parlando di Bill Murray in Polpette (1979) e di Harold Ramis in Stripes (1980). Per quanto siano state formidabili queste commedie, sono state solo un riscaldamento per ciò che è arrivato dopo, il suo più grande successo critico e commerciale, da lui prodotto e diretto. Scritto in collaborazione da Dan Aykroyd e Ramis – che ha recitato nel film insieme a Murray, Rick Moranis e Sigourney Weaver – Ghostbusters è stato il perfetto connubio tra umorismo ed effetti speciali ad alto budget. Con un incasso di quasi 229 milioni di dollari a livello nazionale, è stata tra le commedie di maggior successo del suo tempo; ha generato un franchise che include un sequel del 1989 e due puntate girate nel nuovo millennio (il secondo dei quali, Ghostbusters: Legacy, è stato diretto dal figlio Jason).

Sebbene nessuno dei suoi film successivi abbia raggiunto livelli simili al botteghino, ha mantenuto alto il suo profilo da produttore/regista con una serie di commedie che hanno riportato in auge la carriera dell’eroe action Arnold Schwarzenegger: Twins (1988), Kindergarten Cop (1990) e Junior (1994). Ha anche prodotto le commedie per tutta la famiglia Beethoven, con protagonista il celebre cane di razza San Bernardo, e l’iconica Space Jam (1996).

Ivan Reitman è nato il 27 ottobre 1946 a Komamo, in Cecoslovacchia. Sua madre sopravvisse al campo di sterminio di Auschwitz e suo padre combatté nella resistenza ceca. La famiglia emigrò negli Stati Uniti nel 1950 per sfuggire al regime comunista repressivo del dopoguerra. Cresciuto a Toronto, ha frequentato la McMaster University di Hamilton, dove ha realizzato i suoi primi cortometraggi e dove ha incontrato molti dei futuri membri principali della troupe SCTV: Martin Short, Eugene Levy, Dave Thomas, Andrea Martin e Moranis. Tornato a Toronto dopo il college, ha assunto Aykroyd per lavorare in uno spettacolo comico che stava producendo in una stazione televisiva locale, e sono diventati amici e collaboratori per tutta la vita. Una volta passato al cinema professionalmente, ha prodotto e diretto una parodia dell’orrore, Cannibal Girls, con Levy e Martin. Ha anche prodotto due dei primi film horror del regista David Cronenberg, Shivers (1975) e Rabid (1977).

Tra i suoi lavori più recenti troviamo il lungometraggio Draft Day con Kevin Costner; la commedia romantica con Natalie Portman Amici, amanti e… (No Strings Attached) e My Super Ex-Girlfriend. Nel 2009 ha co-prodotto Tra le nuvole, una commedia con protagonista George Clooney. Diretto e co-sceneggiato da suo figlio Jason, il film ha vinto un premio Oscar come miglior film e per la migliore sceneggiatura non originale.

Articoli correlati