Avengers: Endgame Cinematographe

La petizione per riportare Iron Man nell’Universo Cinematografico Marvel è vicino alle 50.000 firme

Tony Stark si è sacrificato per salvare l’umanità da Thanos in Avengers: Endgame. Ora, alcuni fan, vogliono che quel sacrificio venga annullato. Su Change.org è apparsa una nuova petizione che vuole vedere Iron Man tornare in vita. Il ragionamento dietro è che, qualcuno che ha significato così tanto per così tante persone ed è stato così disposto a sacrificarsi, merita vedere sua figlia crescere.

Questa petizione, per quanto irrilevante sia per i Marvel Studios, ha già raggiunto le 50.000 firme in soli due giorni. Al momento della stesura di questo articolo, la petizione BRING TONY STARK BACK TO LIFE #savetonystark #TonyStark su Change.org ha 50.000 firme! Ecco il testo della petizione:

Tony del MCU merita di tornare completamente in vita. Tony Stark era sempre pronto a rischiare la sua vita, soffrire e sacrificarsi per chiunque, senza mai ricevere nulla in cambio. Fin dall’inizio, da quando era un bambino. Non poteva mai essere felice e quando, finalmente, ha ottenuto ciò che ha sempre desiderato e meritato, sua moglie, sua figlia, la sua famiglia… è morto. Non se lo meritava e non è giusto, dopo tutto quello che ha passato e fatto per tutti, merita di vivere e vedere crescere sua figlia. Ha aiutato così tante persone (nel MCU e nel nostro mondo), ha aiutato le persone a vivere (incluso me) per superare i loro problemi, accettare se stessi, affrontare la vita. Lui è così importante. Ha salvato le nostre vite ed ora è il nostro turno salvarlo. Lo amiamo così tanto. Lo amiamo 3000. Senza di lui, ora, siamo totalmente persi. Per molte persone era la loro ragione di vita e di resistenza. #TonyStark #AvengeTonyStark #SAVETONYSTARK #BringBackTonyStark #BringTonyStarkBack

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto