Il Signore degli Anelli: Karl Urban confessa il vero motivo per cui Peter Jackson l’ha scelto come Éomer

L'attore neozelandese ha confessato il vero motivo per cui è stato scelto per il ruolo di Èomer (ed è piuttosto banale).

Al momento Karl Urban è principalmente noto essere il volto di Billy Butcher in The Boys, una delle serie di punta di Prime Video, ma l’attore neozelandese ha alle spalle una lunga carriera e, il ruolo che lo ha davvero lanciato nello showbiz, è stato quello di Éomer nella trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson. Ora l’attore ha confessato il vero motivo per cui è stato scelto per quel ruolo (ed è piuttosto banale).

“Un sogno divenuto realtà”, così Karl Urban racconta il suo casting ne Il Signore degli Anelli di Peter Jackson

Il Signore degli Anelli Karl Urban - cinematographe.it

Karl Urban ha recentemente partecipato a una video intervista per GQ, in cui ha rivisto e commentato alcuni dei ruoli più importanti della sua carriera e, quando è giunto il momento di parlare di Éomer, ha rivelato quanto segue: “Avevo fatto un piccolo film neozelandese intitolato The Price of Milk e il regista di quel film era molto amico di Peter Jackson. Ha mostrato la prima parte di The Price of Milk a Peter, quindi è successo che ero già nella sua testa quando ha iniziato a cercare qualcuno per interpretare Éomer. Ho ricevuto questa chiamata dal nulla che mi ha invitato ad andare a lavorare con loro. Ero euforico, era come un sogno che si avverava.”

Urban ha avuto davvero un bel colpo di fortuna, se non fosse stato per quella intermediazione del regista Harry Sinclair, non avrebbe mai ottenuto il ruolo che ha cambiato la sua vita! Da allora la sua filmografia si è arricchita di titoli come The Chronicles of Riddick, Dredd, Star Trek, Thor: Ragnarok e The Bourne Supremacy.

In attesa di poterlo vedere nuovamente in azione nei panni di Billy Butcher nella quarta stagione di The Boys, l’attore (o meglio, la sua voce) si trova su Netflix con il nuovo film d’animazione Il mostro dei mari, in cui presta la voce al protagonista.

Articoli correlati