Guardiani della Galassia- James Gunn: “Rocket sono io e amo il cinema di Hong Kong”

Il regista di Guardiani della Galassia, ha dichiarato il suo amore per il cinema di Hong Kong al Festival internazionale di Shanghai.

Da leggere

Stasera in TV: tra i film da vedere anche Made in Italy

Se non sapete cosa vedere stasera in TV, lasciate che sia la guida tv di Cinematographe.it a consigliarvi alcuni...

Regé-Jean Page sarà il protagonista del reboot del film The Saint

Regé-Jean Page ha un nuovo ruolo come protagonista nel reboot di The Saint. Regé-Jean Page reciterà e produrrà il reboot...

Black Panther 2: un primo sguardo a sorpresa al sequel Marvel [VIDEO]

Un nuovo video che mostra il set di Black Panther 2: Wakanda Forever rivela un luogo familiare in fase...

La struttura di Guardiani della Galassia viene direttamente dal cinema di Hong Kong (dove qualsiasi cosa può succedere, in qualsiasi momento),” ha detto il regista del film  James Gunn.

“Johnnie To, John Woo e Ringo Lam mi hanno fatto innamorare del cinema anche più di quanto non lo fossi già prima di conoscere le loro opere.”

Altre influenze precoci, risalenti al tempo in cui Gunn era un teenager timido, cresciuto nel piccolo Stato del Missouri, sono state i film di Star Wars, con la loro evasione in una sconfinata mitologia.

“Sono stato creato per fare Guardiani della Galassia “, ha detto James Gunn a un pubblico di sceneggiatori e registi cinesi nel corso ad un evento all’interno del Festival internazionale di Shanghai.

Mentre un viaggio lungo i sentieri della memoria è stato parte della sessione, gli approcci contrastanti alla sceneggiatura di Gunn, dell’autore di Kong: Skull Island Max Borenstein e di Peter Chan Ho-sun di Hong Kong sono stati gli aspetti più istruttivi dell’incontro.

“Pianifico tutto prima di andare in scena. Conosco ogni sequenza in anticipo”

ha detto Gunn, che si descrive anche come capace di fare una sola cosa alla volta. I Guardiani gli hanno richiesto più di due anni e mezzo, per mettere insieme il film.

Chan che ha fatto alcuni dei film contemporanei di maggior successo in Cina, tra cui Perhaps Love e American Dreams in China, ha invece un approccio diverso alla regia.

“Io non pianifico nulla, non uso story boards, non faccio effetti speciali. Il mio processo creativo è lavorare con gli attori. E adesso mi piace molto il processo di editing, lavorare accanto a un grande editor creativo”.

Tuttavia, Chan estende la sua visione creativa spesso facendo anche da produttore, da promotore ossessionato dai dettagli e da distributore locale.

L’aspetto sul quale i tre film makers hanno concordato è stato la necessità di manipolare il processo e la passione.

“Il modo peggiore di fare un film è cercare di appellarsi ad un pubblico di massa”, ha dichiarato Borenstein.

“La metà della produzione cinematografica riguarda l’equilibrio. Un film è una macchina gigante che io aiuto a costruire. L’altra metà è molto personale, si tratta di personaggi “, ha dichiarato Gunn. “(Il tutto) è un equilibrio tra l’emotivo e il logico”.

Senza il pubblico, il processo di produzione di un film non è completo. Anche un blockbuster deve essere personale, ” ha asserito Chan. “Non c’è una ricetta segreta. Devi solo amare i personaggi. In American Dreams tutti i personaggi erano il tipo di persone con cui ero cresciuto. E quando ho guardato Guardiani della galassia, vol. 2 di recente ho visto un film personale, uno in cui si vede la presenza solida di un regista alle spalle.

Gunn è andato poi oltre, descrivendo Guardiani della Galassia come un’autobiografia di Rocket, il personaggio-procione doppiato da Bradley Cooper, aggiungendo:

Rocket sono io, provo la stessa emarginazione e sensazione di essere dimenticato.

Ultime notizie

Stasera in TV: tra i film da vedere anche Made in Italy

Se non sapete cosa vedere stasera in TV, lasciate che sia la guida tv di Cinematographe.it a consigliarvi alcuni...

Articoli correlati