Giffoni 2019: Ivan Cotroneo sulla stagione 2 de La Compagnia del Cigno

Ecco cosa ha detto Ivan Cotroneo della seconda stagione de La Compagnia del Cigno al Giffoni 2019.

Ivan Cotroneo torna al Giffoni Film Festival con il cast de La Compagnia del Cigno: ecco che cosa ha raccontato il regista lunedì 22 luglio

Il cast de La Compagnia del Cigno, la serie prodotta da Indigo Film in collaborazione con Rai Fiction, insieme a Ivan Cotroneo sono stati tra i protagonisti del Giffoni Film Festival lunedì 22 luglio 2019. Presenti tutti i sette ragazzi selezionati tra i Conservatori d’Italia per la serie: Leonardo Mazzarotto, Fotinì Peluso, Emanuele Misuraca, Hildegard De Stefano, Ario Nikolaus Sgroi, Chiara Pia Aurora e Francesco Tozzi. Ecco che cosa ha detto Ivan Cotroneo:

Leggi anche: Giffoni 2019: il 26 luglio si festeggia il Cavaliere Oscuro con il Batman Day

Volevo raccontare ragazzi di talento, che studiano, che hanno passioni e sogni ma senza dipendenze, drammi in famiglia, omicidi alle spalle: con Monica Rametta abbiamo raccontato quella bella gioventù che non passa per la cronaca nera e che solitamente resta in ombra. Anche per questo il successo della serie è stato per me una grande soddisfazione: ringrazio chi ha creduto in questa storia.

Per quanto riguarda la seconda stagione:

Non so quando inizieremo le riprese, dipenderà da quanto io e Monica saremo bravi e veloci a scrivere. Chiusa la prima stagione abbiamo immaginato un nuovo scenario in cui far muovere i personaggi, attingendo dalle vite degli interpreti: c’è chi si è trasferito a Milano da una provincia del Sud, chi si è riavvicinato a un particolare strumento, chi è andato all’estero. In questa stagione ci sarà anche questo, con nuovi personaggi, che cercheremo ancora nei Conservatori, e nuovi intrecci, mantenendo l’attenzione per la musica tra pop e classica” dice Cotroneo, che ha lasciato all’oscuro delle novità anche il cast.

Già dai tempi di Un bacio il mio desiderio è stato quello di parlare dei ragazzi non con lo sguardo del cinquantenne, ma con il rispetto per quella sofferenza, quell’insoddisfazione tipica dell’adolescenza che quell’età merita e che io ancora ricordo. Devo fare una confessione: io scrivo e dirigo film soprattutto per venire a Giffoni. Sono venuto con Un Bacio, per le Masterclass, con Mika. Questo Festival è unico al mondo. Parlare qui di una storia dedicata ai ragazzi dà veramente un senso al tuo lavoro. E poi essere qui dove è stato Truffaut che per me è un esempio di cinema, di un modo di raccontare i ragazzi, è una cosa che mi riempie d’orgoglio. Nella vita voglio continuare a raccontare storie degne di essere presentate qui. I jurors del Festival sono come La compagnia del Cigno: per il cast oggi sarà come guardarsi in uno specchio incontrando i ragazzi del Giffoni, che come loro inseguono non un sogno di successo, ma un sogno di espressione. E tutti loro hanno dignità di essere ascoltati e raccontati. Anche il Festival fa questo: rende protagonisti chi in genere non viene considerato.

Articoli correlati