Cannes 2015: giorno 7

I due film in Selezione Ufficiale, protagonisti della settima giornata del 68esimo Festival di Cannes, rappresentano due generi diametralmente opposti: Sicario, per la regia del canadese Denis Villeneuve, narra le peripezie di una giovane agente dell’ FBI, interpretata da Emily Blunt alle prese con una delicata missione tesa a sradicare una cellula di narcotraffico al confine tra USA e Messico. Nonostante l’ottima fattura, Il film ha ricevuto finora reazioni contrastanti dalla critica, a causa soprattutto del tema trattato, ampiamente abusato dal cinema statunitense. Nel cast del thriller, che raggiungerà le sale italiane a partire dal 17 settembre grazie a 01 Distribution,  anche Benicio del Toro nei panni del tenebroso mercenario. “Ho fatto molti film sull’argomento, e quello dello spaccio in Messico è un tema al quale tengo molto” –  ha affermato l’attore in conferenza stampa – “conosco bene la mentalità da il fine giustifica i mezzi del protagonista e io non sono affatto come lui ,ma il problema della droga è un problema che esiste ovunque, non solo in Messico”.

sicario photocall

Il cast di Sicario al photocall di stamattina

Un amore incestuso è invece il fulcro di Marguerite & Julien, per la regia di Valérie Donzelli, un film tratto da un vecchio progetto mai realizzato del grande François Truffaut; i protagonisti, fratello e sorella, crescono separati nel vano tentativo dei genitori di domare un legame troppo intimo ma,  una volta adolescenti,i due ragazzi si ritrovano e la passione mai sopita non può fare a meno di esplodere impetuosa. In questo caso, complice anche l’altisonanza del nome alla base del progetto,  la critica più che divisa è apparsa disorientata, a causa di una storia narrata a cavallo di una frattura spazio-temporale che forse non ha costituito una grande trovata cinematografica. Peccato per gli interpreti, un ottimo Jérémie Elakaïm, compagno della regista e anche co-sceneggiatore, e la deliziosa Anaïs Demoustier, ma l’opera purtroppo proprio non convince.

L’attesa, almeno per noi, ora è tutta per Paolo Sorrentino che domani, finalmente, scoprirà le carte di Youth al Grand Théâtre Lumière; dopo essere passato in sordina (nonostante gli applausi ricevuti) a Cannes 2013 con lo stesso La Grande Bellezza che poi vinse l’Oscar come miglior film straniero, siamo sicuri che il regista napoletano riceverà quest’anno una maggiore attenzione…noi siamo con lui!

 

Articoli correlati