Fast & Furious 8: la produzione voleva usare una versione in CGI di Paul Walker

La produzione di Fast & Furious 8 aveva intenzione di riportare in vita il compianto attore Paul Walker utilizzando una versione in CGI

Da leggere

La Casa di Carta 5 – Parte 2 a che ora esce su Netflix?

La stagione finale de La Casa di Carta è stata divisa in due parti. Quando sarò disponibile la Parte...

State a casa: trama e cast del film di Roan Johnson con Tommaso Ragno

State a casa è una black comedy tutta italiana diretta da Roan Johnson, regista e sceneggiatore italiano di origini...

Steven Spielberg su West Side Story: il film migliore dopo E.T., “ho ballato e cantato con il cast”

Un sogno che si avvera per il Premio Oscar Steven Spielberg: dirigere West Side Story, il musical per antonomasia...

Block title

Il team creativo che ha guidato la produzione di Fast & Furious 8 ha considerato concretamente di riportare in vita il compianto attore Paul Walker con l’uso della computer grafica (CGI). L’ottavo capitolo del franchise è stato il primo a prendere vita dopo la morte di quello che era il suo protagonista insieme al compagno di avventure e amico Vin Diesel. Ciò ha lasciato ai produttori l’ingrato compito di capire come avrebbero gestito la sua eredità emotiva, artistica e narrativa.

Walker è morto in un tragico incidente d’auto proprio durante la produzione di Fast & Furious 7 e, in quell’occasione, per terminare il film furono costretti ad utilizzare delle controfigure (i fratelli Cody e Caleb) applicando sui loro corpi il volto dell’attore ricostruito in CGI. Questo meccanismo venne attivato per garantire una fine dignitosa per il personaggio di Brian O’Connor, ma la storia prevedeva un suo coinvolgimento maggiore.

Il sito Screen Rant ha discusso recentemente con F. Gary Gray (regista di Fast & Furious 8) proprio dell’argomento. Il regista ha spiegato quanto il fatto di riferirsi a Brian durante il film sia stato un accesso argomento di discussione; discussione che ha fatto emergere, ad un certo punto, la possibilità di ricostruire il personaggio al computer:

“Abbiamo avuto centinaia di conversazioni su quale fosse il modo migliore per affrontare l’eredità di Paul nel franchise. Ci sono molti modi di agire. Potresti creare un Paul digitale e renderlo un personaggio vero e proprio. Potresti lasciarlo da parte e far finta che non appartenga più a quel mondo. Ne abbiamo parlato e siamo giunti alla conclusione che la scelta che abbiamo fatto sia davvero la migliore. E da quello che so, la sua famiglia è davvero contenta di come l’abbiamo trattato”.

Il regista di Fast & Furious 8 ha continuato, parlando di un possibile ritorno di Paul Walker:

“Credo che ci siamo trovati davanti la possibilità di far sentire alle persone che Paul fosse nel film. Era la prima volta che vedevamo Fast and Furious senza Paul. Però non avremmo potuto avere la certezza che il pubblico avesse apprezzato”.

Col senno di poi, sembra che la decisione di stata quella giusta: Fast & Furious 8 ha ottenuto un successo stellare al botteghino mondiale con un guadagno totale di 1.2 miliardi di dollari. Ogni preoccupazione, quindi, era assolutamente infondata. È normale, però, che il regista avesse qualche remora circa il personaggio di Walker, davvero importante nello svolgimento della saga. Voi avreste apprezzato l’uso del CGI per riportarlo in vita?

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

La Casa di Carta 5 – Parte 2 a che ora esce su Netflix?

La stagione finale de La Casa di Carta è stata divisa in due parti. Quando sarò disponibile la Parte...

Articoli correlati