El Camino, Cinematographe.it

Dopo l’angosciante svolta di eventi che introduce El Camino: Il film di Breaking Bad – che include una commovente reunion con i suoi amici – Jesse Pinkman riprende la sua fuga verso “l’ultima frontiera”, L’Alaska

Lo scrittore-regista Vince Gilligan, creatore della serie vincitrice dell’Emmy, ha presentato al mondo l’immaturo, dolce e danneggiato Jesse Pinkman, amante della pizza e conoscitore di magneti. Il film Netflix El Camino riprende dopo che Jesse, guidando l’automobile del suo rapitore, sfonda la cancellata del complesso di suprematisti bianchi dove è stato schiavizzato nell’ultima stagione di Breaking Bad.

Ciò che segue in El Camino è la storia di come Jesse riesce finalmente a tirarsi fuori dal tragico caos che è diventata la sua vita, dopo aver concordato una collaborazione “culinaria” con il suo ex insegnante del liceo Walter White.

Significato del titolo e spiegazione del film di Breaking Bad

Certo, la sua fuga non è facile. Ma Gilligan ha detto a Vulture di aver quasi scritto un finale diverso per la storia di Jesse, che avrebbe reso i fan dello show molto, molto tristi (o molto, molto arrabbiati). Perché ha cambiato idea? Perché, ha detto, “A volte devi solo dare alla gente quello che vuole“.

Dopo la fine di Breaking Bad, hai detto che Jesse Pinkman era finalmente libero, e sembra essersela cavata con successo. In tutti questi anni, l’hai sostenuto. Ma mi chiedevo se avessi avuto ripensamenti da quando hai iniziato a scrivere El Camino. Ci sono altre possibilità che hai considerato?

Sì, l’ho fatto. Mi piace l’ironia nella narrazione. Adoro i colpi di scena ironici. Una volta che hodeciso di realizzare questo film, per la maggior parte del tempo, ho pensato che la cosa che volevamo di più fosse vedere Jesse in fuga. E la cosa che lui voleva di più era fuggire. Quindi ho cercato di inventare una trama in cui, essendo un eroe, salva qualcun altro – qualcuno che avrei introdotto come nuovo personaggio nel film. Poiché è un personaggio così innatamente eroico nella mia mente, salva qualcuno alla fine del film e si lascia intenzionalmente catturare sapendo che salverà l’altra persona. Alla fine del film, sarebbe stato rinchiuso in una cella di prigionia da qualche parte nel Montana o in qualche altro luogo. E sarebbe stato in pace con se stesso. Era tutta questa roba interiore, di tipo emotivo, molto drammatica.

Ho sottoposto l’idea alla mia ragazza, Holly, e lei ha detto: “Sei fuori di testa? Non puoi metterlo in una cella alla fine. Devi lasciarlo andare via. La gente si ribellerà.” Ho detto: “No, non capisci? È arte. È artistico”. E poi ho detto: “Senza offesa, non sei una sceneggiatrice. Ti rispetto, ovviamente, e ti amo. Ma tu non sei una sceneggiatrice “. E poi il giorno dopo sono andato a presentare l’idea a Peter [Gould] e agli sceneggiatori di Better Call Saul, e tutti mi hanno guardato in silenzio. Poi hanno detto: “Sei pazzo? Deve andarsene alla fine.”[Ride.] Come dice il proverbio, se abbastanza persone ti dicono che sei ubriaco, devi sederti. Quindi ho rinunciato a quell’idea.

El Camino – Il film di Breaking Bad è ora disponibile su Netflix.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto