Continua a correre, Emiliano Malagoli, Cinematographe.it

L’eccezionale storia vera di coraggio e determinazione del pilota Emiliano Malagoli verrà raccontata in un libro e in un film

Emiliano Malagoli è un pilota di motociclismo paralimpico ed è stato il primo atleta italiano ad aver partecipato alla Maratona di New York con delle protesi.
Il libro dedicato alla sua storia, edito da Paesi Edizioni, si chiama Continua a correre e  racconta la storia di Emiliano, un uomo che non si è arreso alla disabilità ma che – anzi – ha deciso di trasformarla in una grande opportunità di resilienza.

Nato nel 1975, nel 2011 Emiliano subisce un gravissimo incidente stradale che lo porta all’amputazione della gamba destra, lasciando anche la sinistra gravemente intaccata. Ma dopo una dura convalescenza di circa 400 giorni, il pilota si rimette in pista, tornando a competere al Mugello. Diventando un simbolo di forza e determinazione, nel 2013 Emiliano Malagoli fonda l’associazione Di.Di. Diversamente Disabili, grazie alla quale riesce a riabilitare al motociclismo più di 350 ragazzi e a organizzare le prime gare mondiali paralimpiche, mentre diventa testimonial per BMW Motorrad Italia e affronta addirittura la Maratona di New York.

La volta buona: il trailer del film sportivo con Massimo Ghini

La sua incredibile storia di coraggio e talento ha ispirato 50.000 passi, il docufilm diretto da Michelangelo Gratton che vede al centro anche la storia della cantante ipo vedente Annalisa Minetti, che verrà presentato il 10 luglio all’Arena Palma di Trevignano Romano (RM). Ecco cos’ha detto Malagoli in proposito:

La maratona descrive la mia vita: i momenti difficili, le prove da superare. Ho deciso di affrontare questa impresa per chi, come me, almeno una volta ha detto ‘non posso farcela’“.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE