cinema - coronavirus, cinematographe.it

Dei nuovi dati rivelano che quasi la metà dei cinema del mondo sono ormai tornati in funzione. Ecco gli introiti registrati

Nuovi casi di COVID hanno causato nuove chiusure e restrizioni e in moltissimi Paesi vige ancora la quarantena, come in California, a Hong Kong e in Australia (più precisamente nello Stato della Victoria) ma c’è una buona notizia: quasi la metà dei cinema del mondo è ormai tornata in funzione, secondo i nuovi dati di Gower Street Analytics.

Ciò dovrebbe dare sollievo a espositori e distributori che, oltre al coronavirus, sono stati scossi da altri recenti sviluppi del settore. La scorsa settimana AMC Theatres e Universal Pictures hanno infatti poso fine alle loro ostilità concordando delle finestre cinematografiche esclusive più abbreviate (potranno quindi proporre film in streaming entro tre settimane dal debutto nelle sale), mentre questa settimana Disney ha deluso molti espositori annunciando che l’atteso live-action Mulan andrà direttamente in streaming nei mercati in cui il servizio Disney Plus è operativo.

Mulan - cinematographe.it

I dati di Gower Street mostrano che i cinema che rappresentano il 48% del box office mondiale sono stati riaperti lo scorso fine settimana. Tale cifra è aumentata dal 41% rispetto ad una settimana prima e ha avuto un significativo aumento del 28% il 18 luglio, prima che i cinema cinesi tornassero in attività. La maggior parte dei cinema del mondo ora è aperto con le dovute precauzioni, ovvero il rispetto del distanziamento sociale e una ridotta capacità, il che significa che le entrate non possono ancora eguagliare i numeri del pre-pandemia. Gower Street calcola che il botteghino mondiale ha guadagnato 90 milioni di dollari lo scorso fine settimana.

La Cina, che ha il maggior numero di schermi cinematografici al mondo, è ancora in fase di riapertura. I dati di Gower Street indicano che il box office cinese nella prima settimana della riapertura delle sale cinematografiche era al suo 54% di capacità, mentre la seconda settimana era già al 73%, ma la Cina non è l’unica ad aver contributo alla ripresa del “cinema post lockdwon”. Nella lista ci sono anche Regno Unito, in particolare con la riapertura della catena Cineworld, e la Russia, con Mosca autorizzata a riaprire le sale il prossimo sabato. Un crescente numero di sale cinematografiche spagnole ha registrato importanti entrate con 2,4 milioni di dollari americani, registrando un aumento del 172%. È aumentato anche il box office in Europa, Medio Oriente e Africa, dal 50% della settimana precedente al 59% dell’ultimo fine settimana. Il contributo del fine settimana ha portato il totale del botteghino globale a 6,4 miliardi di dollari. Si tratta di un deficit del 74%, ovvero $ 18,8 miliardi, rispetto al lordo di $ 24,5 miliardi che i cinema di tutto il mondo normalmente registrano in questo periodo dell’anno.

Le maggiori perdite finora sono arrivate dal mercato internazionale, che è di circa $ 12,8 miliardi al di sotto della sua media triennale. La Cina è normalmente il secondo più grande mercato al box office mondiale, ma quest’anno è stata abbattuta da quasi sei mesi di chiusure obbligatorie, che hanno causato perdite da $ 4,8 miliardi. Gower Street calcola che il botteghino da inizio anno in Cina è diminuito del 94%.

Il botteghino nordamericano è ancora pesantemente danneggiato dal COVID-19 e il numero di cinema aperti nella maggior parte degli Stati è diminuito la scorsa settimana. La California ha chiuso nuovamente tutti i locali e il numero dei cinema statunitensi lo scorso fine settimana è sceso da oltre 1.000 a circa 950. Gower Street stima che i ricavi del Nord America siano di 4,7 miliardi di dollari sotto la media triennale. Le attività che attualmente rimangono a galla sono in gran parte i cinema Drive-In. Comscore stima che abbiano rappresentato il 64% del botteghino nordamericano lo scorso fine settimana. Il botteghino del sabato ha superato i 2 milioni di dollari per il secondo fine settimana consecutivo: gli ultimi due sabati sono stati i giorni più proficui da metà marzo.

Per quanto riguarda l’Italia, la scorsa settimana abbiamo registrato un incasso totale di circa 150.000 euro (dati Cinetel), mentre questa settimana stiamo registrando entrate da quasi 95.000 euro. Guidano la classifica dei film più visti Gli anni più belli di Muccino, il premio Oscar Parasite e Favolacce dei fratelli D’Innocenzo.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE