Carey Mulligan - Cinematographe.it

L’attrice Carey Mulligan ha manifestato il proprio sdegno riguardo l’assenza di nomination agli Oscar di film ‘geniali’ diretti da registe

Carey Mulligan ha preso una decisione consapevole negli ultimi anni per collaborare con registe, da Sarah Gavron (Suffragette) a Dee Rees (Mudbound). Sabato sera al Sundance Film Festival, ha presentato Promising Young Woman, un thriller scritto e diretto da Emerald Fennell, su un’eroina in cerca di vendetta dopo aver subito un abuso traumatico.

In un’intervista rilasciata a Variety durante il Sundance Festival, l’attrice ha dichiarato:

Non avrei mai letto niente del genere. Leggerlo per la prima volta, in un certo senso mi ha reso nervosa in un modo davvero buono, in un modo che mi rende entusiasta di far parte di qualcosa.

Lulu Wang, regista di The Farewell, contattata per dirigere un film Marvel

Fennell ha lavorato come showrunner per la seconda stagione di Killing Eve, e sta facendo il suo debutto come regista con Promising Young Woman. A Mulligan è stato poi chiesto dei prossimi Academy Awards, che ancora una volta hanno nominato cinque uomini nella categoria Miglior regista nonostante fosse stato un anno con molti film realizzati da donne.

L’attrice ha spiegato:

Non credo che tu possa guardare quei film e non pensare che meritino il riconoscimento. Penso che debbano essere guardati. Mi chiedo se il sistema funziona in termini di invio di 100 screener. Forse non dovresti essere autorizzato a votare a meno che tu non possa provare di averli visti tutti. Dovrebbe esserci un test. I film che sono stati lasciati fuori sono indiscutibilmente geniali. Sto parlando di Hustlers, Piccole donne e The Farewell. Sento che il fatto che si stiano facendo è un progresso. Ma sono tutti piccoli passi.

Cinematographe.it presenta Piccole donne di Greta Gerwig

Emerald Fennel ha detto:

La verità è che vengono inviati 100 spettatori. L’Academy e, suppongo, tutte queste istituzioni hanno membri che sono incredibilmente occupati. È difficile assicurarsi che le persone abbiano visto tutto e necessariamente il modo in cui sono gli umani, danno la priorità alle cose con cui si sentono a proprio agio o pensano che gli piaceranno. Andranno con i cineasti affermati.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE