Cannes 2021: Unclenching the Fists trionfa nella sezione Un Certain Regard

Si tratta dell'opera di esordio della regista russa Kira Kovalenko.

Da leggere

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

The Suicide Squad: James Gunn svela il motivo dell’assenza del Joker

In una recente intervista, James Gunn ha rivelato il motivo per cui ha preferito non utilizzare il Joker per...

Spider-Man: No Way Home – JK Simmons ha imposto il ritorno al look originale per J. Jonah Jameson

JK Simmons ha dovuto lottare perché il personaggio di J. Jonah Jameson tornasse in Spider-Man: No Way Home con...

Block title

Unclenching the Fists di Kira Kovalenko trionfa nella sezione Un Certain Regard dell’edizione 2021 del Festival di Cannes

Unclenching the Fists, il film di esordio della regista russa Kira Kovalenko, trionfa a Cannes 2021 nella prestigiosa sezione Un Certain Regard. Questo concorso, parallelo al principale, nasce proprio per dare spazio agli autori giovani e alle nuove tendenze del cinema d’autore di tutto il mondo.

La vittoria del film della Kovalenko funge da conferma per l’attuale stato di grazie del cinema russo, che sta vivendo un momento di grande prosperità artistica. Il Festival di Cannes si conferma poi un punto di riferimento importante per i cineasti di questa nazione; già nel 2019, la croisette aveva visto trionfare La ragazza d’autunno di Kantemir Balagov.

Unclenching the Fists di Kira Kovalenko - Cinematographe.it

La pellicola sarà portata in Italia da Movie Inspired, che da sempre si dedica alla distribuzione del cinema d’essai. Al momento non ci sono certezze riguardo al periodo in cui sarà possibile vedere nelle sale il vincitore della sezione Un Certain Regard dell’edizione 2021 del Festival di Cannes; ci auguriamo che l’attesa non sia troppo lunga.

Di seguito, la sinossi ufficiale del film:

Ossezia, Caucaso del Nord. Zaur, uomo e padre severo, si è trasferito insieme ai figli Ada, Akim e Dakko a Mizur, in una piccola e sperduta cittadina mineraria. In bilico tra le indecisioni sul futuro dei figli e la rigidità dell’uomo, la vita scorre non senza difficoltà. Il ritorno del primogenito, precedentemente fuggito dal padre per lavorare a Rostov, riporterà alla luce i traumi inespressi che hanno coinvolto la famiglia.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

Articoli correlati