Bryan Singer: “Lavorerei ancora con Kevin Spacey, ma dipende dal progetto”

Bryan Singer lavorerebbe ancora con Kevin Spacey nonostante le accuse, ma dipende dal tipo di progetto. Intanto anche il regista è stato accusato di violenza

Il regista Bryan Singer ha detto che sarebbe di nuovo disponibile a lavorare con Kevin Spacey. In un’intervista con TMZ, Singer ha detto che Spacey, che ha contribuito a lanciare la sua carriera con I soliti sospetti, era una persona a lui vicina e che sarebbe stato disposto a collaborare nuovamente con lui, ma che “dipende dal progetto”. Spacey è stato accusato di aver aggredito sessualmente e molestato alcuni uomini, spesso minorenni. Ad iniziare l’uragano sono state le accuse dell’attore Anthony Rapp che avrebbe subito delle avance sessuali da Spacey quando aveva solo 14 anni.

Lo stesso Bryan Singer, però, è stato accusato di violenza sessuale in diverse occasioni prima, anche se le accuse sono state alla fine abbandonate. È stato licenziato lunedì dalla regia del biopic di Freddie Mercury Bohemian Rhapsody. Singer non si è preoccupato del suo licenziamento e ha dichiarato che a quel punto la maggior parte del film era già stata girata e che aveva altri due progetti su cui stava attualmente lavorando.

Durante l’intervista, Singer ha negato che il suo licenziamento fosse collegato a qualsiasi accusa di molestie sessuali e ha scartato la possibilità che un altro scandalo emergesse sulla scia del suo licenziamento. “Forse ci sarà qualcosa di carino… Non sono preoccupato per questo”, ha detto.

Tuttavia, giovedì, Bryan Singer è stato citato in giudizio da Cesar Sanchez-Guzman per una presunta violenza sessuale quando aveva 17 anni, nel 2003. Singer ha rilasciato una dichiarazione che nega enfaticamente l’accusa. L’intervista a TMZ sembra essere stata registrata prima che le accuse fossero rese pubbliche.

Articoli correlati