Bond 25, cinematographe.it

A quanto pare l’attore protagonista di Bond 25, film ancora senza titolo ufficiale, Daniel Craig, tornerà sul set questa settimana

La produzione di Bond 25 – che si sta svolgendo in Giamaica – si è interrotta bruscamente dopo un leggero infortunio che ha visto coinvolto il protagonista, Daniel Craig, che si è fatto male a una caviglia. Questo in arrivo sarà quasi certamente l’ultimo film della serie di James Bond in cui vedremo recitare Craig il quale, comunque, sembra stare meglio e, secondo report recenti tornerà al lavoro entro la settimana. Pertanto le lastre non avrebbero rivelato danni particolarmente importanti come si era temuto inizialmente.

Secondo un nuovo report del The Sun (il giornale che ha dato la notizia della ferita di Craig in primo luogo), che dovrebbe aver parlato con una fonte vicina alla produzione, la ferita non impedirà a Craig di continuare a lavorare, ma l’attore prenderà delle precauzioni per assicurarsi che le condizioni della sua caviglia non peggiorino.

All’inizio sembrava che fosse successo davvero un disastro”, ha detto la fonte a The Sun. “Ma l’infortunio non è così grave come si pensava inizialmente e Craig sarà in grado di girare, a patto che non sforzi eccessivamente la caviglia; tornerà sul set entro la settimana.

Bond 25 sarà forse l’ultimo film del franchise a vedere Daniel Craig interpretare la Spia di Sua Maestà. Il film arriva in Italia l’8 aprile 2020:

Bond ha abbandonato gli impegni in prima linea e si gode una tranquilla vita in Giamaica. La sua pace ha vita breve dopo che il vecchio amico Felix Leiter della CIA si palesa con una richiesta d’aiuto. La missione ha l’obiettivo di recuperare uno scienziato rapito e si rivela molto più complessa di quanto atteso: Bond sarà messo alla prova da un misterioso nemico dotato di una nuova arma tecnologica.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto