Black Widow Cinematographe

Quando i Marvel Studios hanno iniziato a cercare la regista per Black Widow, una delle prime scelte è stata Amy Seimetz

Oltre a lei c’erano altre quattro scelte per Black Widow, e cioè Lucrecia Martel, Amma Asante, Kimberly Peirce e Maggie Betts. In una recente intervista l’attrice, sceneggiatrice e cineasta ha spiegato perché ha detto no alla pellicola con protagonista Scarlett Johansson. La Seimetz, per la cronaca, ha recitato in dozzine di film e serie TV nel corso degli anni, ma si è anche cimentata dietro la macchina da presa. Il suo primo lungometraggio è stato Sun Do not Shine. Ma perché ha detto no a un film che fa parte di uno dei franchise più immensi e famosi della storia? Ecco cosa ha detto:

Ho preso le distanze dal progetto Black Widow perché non era conforme a quel che volevo fare io, non era la mia voce. Lavorare a film commerciali è utile ma io non volevo farlo perché non avrei potuto esprimere la mia voce. I Marvel Studios avevano detto che avrei dovuto firmare un accordo per tre anni e per me era molto tempo. Ho detto loro che amo quel che fanno ma che non sarebbe stata una buna idea per me lavorare al loro progetto.

Alla fine la Casa delle Idee ha assunto Cate Shoreland per dirigere la prima pellicola in solitaria di Black Widow, che vedrà Natasha Romanoff in un periodo precedente al primo film in cui l’abbiamo vista, che è stato Iron Man 2.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

Scopri il nostro Shop Online