Benedict Cumberbatch sulla mascolinità tossica: “Dobbiamo stare zitti e ascoltare”

Per l'attore di Sherlock e Doctor Strange il comportamento degli uomini deve essere "sistemato".

Da leggere

Stephen Sondheim – amici e colleghi lo ricordano con affetto: “É la fine di un’era”

Da Hugh Jackman a Steven Spielberg, i tweet più commoventi sulla morte di Stephen Sondheim Stephen Sondheim, leggendario compositore di...

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Zerocalcare consiglia le sue serie preferite su Netflix descrivendo le trame… a modo suo!

È senza dubbio la serie del momento, e stavolta è tutta made in Italy. Strappare lungo i bordi, la...

Block title

Benedict Cumberbatch torna a criticare la mascolinità tossica: “Dobbiamo correggere il comportamento degli uomini” 

Benedict Cumberbatch è tornato a parlare di mascolinità tossica. Per l’attore di Sherlock e di Doctor Strange il comportamento degli uomini deve essere “sistemato”. Cumberbatch, uno dei favoriti per l’attesa stagione dei premi grazie al film western di Jane Campion Il potere del cane, in una nuova intervista con Sky News ha discusso della mascolinità tossica, un termine usato per descrivere gli stereotipi di genere posti sugli uomini dalla società che impedisce loro di esprimere in modo sano le proprie emozioni. “Dobbiamo correggere il comportamento degli uomini. In un mondo che mette in discussione e sottolinea le inadeguatezze dello status quo e del patriarcato è ancora più importante”.

Oggi abbiamo questo tipo di ribellione, questa negazione e questa sorta di posizione difensiva molto infantile alla “non tutti gli uomini sono cattivi” e bla bla bla. No, dobbiamo solo stare zitti e ascoltare.

“Stiamo vivendo in un’era in cui i sopravvissuti possono parlare e hanno una piattaforma per rendersi conto che non c’è abbastanza riconoscimento degli abusi, non c’è abbastanza riconoscimento degli svantaggi”, continua l’attore, prima di suggerire che “da qualche parte lungo la strada, forse non ora, ma prima o poi dovremo fare quello che fa il film, ovvero esaminare la ragione dietro il comportamento oppressivo per sistemare gli uomini”. Ovviamente si sta riferendo al film Il potere del cane, atteso su Netflix per il 1° dicembre 2021, in cui interpreta un masochista allevatore di bestiame di nome Phil Burbank, il cui comportamento volgare e prepotente è il frutto di una mascolinità consumata dalla vita nella Frontiera e da una sessualità costantemente repressa.

Leggi anche Doctor Strange: Benedict Cumberbatch credeva fosse un personaggio troppo sessista

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Stephen Sondheim – amici e colleghi lo ricordano con affetto: “É la fine di un’era”

Da Hugh Jackman a Steven Spielberg, i tweet più commoventi sulla morte di Stephen Sondheim Stephen Sondheim, leggendario compositore di...

Articoli correlati