Ben Affleck sul suo addio a Batman: “Mi ha convinto Matt Damon”

L'attore ha deciso di non tornare più nei panni dell'iconico eroe.

Ben Affleck rivela che è stato l’amico e collega Matt Damon a convincerlo ad abbandonare il costume da Batman!

La star di Justice League Ben Affleck rivela ai fan che l’amico e collega Matt Damon lo ha aiutato a convincerlo ad appendere definitivamente al chiodo il suo iconico costume da Batman del DC Extended Universe. L’attore lo ha rivelato durante un’intervista condotta sia da Entertainment Weekly che da Matt Damon stesso, che ha recentemente recitato al fianco di Affleck in The Last Duel di Ridley Scott. “Ho avuto un’esperienza davvero pessima con Justice League per molte ragioni diverse”, ha detto Affleck. “Non incolpo nessuno, sono successe un sacco di cose. Ma in realtà non ero felice. Non mi piaceva essere lì. Non pensavo fosse interessante. E poi sono successe cose orribili. Ma è stato allora che ho pensato, non lo farò più.”

Rivolgendosi direttamente a Damon, Affleck ha detto: “In effetti, te ne ho parlato e la tua opinione mi ha molto influenzato. Mi hai convinto a fare solo cose che mi avrebbero portato gioia. Poi abbiamo girato The Last Duel e mi sono divertito ogni giorno su quel set. Non ero la star, non ero quello buono. Ero il cattivo. Non ero tutte le cose che pensavo di dover essere quando ho iniziato, eppure è stata un’esperienza meravigliosa”. Affleck e Damon hanno lavorato a numerosi progetti insieme nel corso degli anni, forse il più famoso è Will Hunting – Genio ribelle del 1997, che hanno scritto e interpretato, portando a casa l’Oscar per la migliore sceneggiatura originale. I due attori sono anche apparsi in più film nel franchise View Askewniverse dello sceneggiatore e regista Kevin Smith, specialmente in Dogma del 1999.

Questa non è la prima volta che Ben Affleck parla delle sue lotte personali durante le riprese di Justice League nel 2017. “È stato il punto più basso della mia carriera” ha recentemente detto l’attore al Los Angeles Times. “Quella è stata una brutta esperienza a causa di una confluenza di cose: la mia stessa vita, il mio divorzio, l’essere troppo lontano, le agende in competizione e poi la tragedia personale di Zack [Snyder] e le riprese. È stata semplicemente l’esperienza peggiore della mia carriera.”

Articoli correlati