Lo stato dell’unione - Scene da un matrimonio cinematographe.it

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”. Cantava così Antonello Venditti nel noto brano del 1991, inserito nel fortunato album dal titolo Benvenuti in paradiso. Ma purtroppo non è sempre così, perché anche i grandi amori come quello che per quindici anni ha legato i protagonisti dell’innovativa e acclamata miniserie Lo stato dell’unione – Scene da un matrimonio, vincitrice tra gli altri di tre Emmy Awards, può arrivare a un punto di non ritorno. Come, perché e se si può ricucire lo strappo sarà la visione a dircelo. Nel frattempo ecco qualche informazione utile per arrivare preparati all’imminente messa in onda in Italia.

Lo stato dell’unione: la trama e il trailer della miniserie TV

La gerentologa Louise e il critico musicale disoccupato Tom, dopo 15 anni di matrimonio, sono al punto di rottura. Entrambi erano convinti di avere una relazione solida, finché un “piccolo sbaglio” li spinge a mettere seriamente in discussione la loro storia. I due si incontrano ogni settimana in un pub di Londra qualche minuto prima di entrare nello studio del proprio terapista di coppia (che non si vede mai) e si confrontano sui problemi della loro relazione. Un bicchiere di birra per lui, un bicchiere di vino per lei: dieci incontri a cadenza settimanale per dieci conversazioni ironiche, pungenti, a tratti tenere e appassionate, sul proprio rapporto in crisi.

Lo stato dell’unione: gli autori e la struttura narrativa

Lo stato dell’unione - Scene da un matrimonio cinematographe.it

La sceneggiatura della miniserie è stata pubblicata nell’omonimo libro, uscito anche in Italia con la casa editrice Guanda nel 2019, definito dal The New York Times: “Acuto. Esilarante. Una scrittura che sa emozionare”. La trasposizione per il piccolo schermo sfrutta l’innovativo formato breve per portare sullo schermo le sfide dell’amore di lunga durata nella società contemporanea, in un fitto e divertentissimo botta e risposta, fra metafore mediche che vedono il matrimonio come un paziente moribondo e analogie sportive tra la vita sessuale e le prestazioni di un centometrista, per raccontare in modo ironico ma anche profondo la vita coniugale ai giorni nostri.

Il tutto attraverso i dialoghi scritti da uno degli autori più significativi della letteratura inglese, lo scrittore e sceneggiatore Nick Hornby (autore di bestseller come Febbre a 90’, Alta fedeltà, Un ragazzo, due volte nominato all’Oscar per le sceneggiature di An Education e Brooklyn) che – dopo il film Alta fedeltà del 2000 con John Cusack – torna a lavorare con l’acclamato regista ed amico Stephen Frears (Philomena, Florence, Vittoria e Abdul, due volte nominato all’Oscar come Miglior regista per Rischiose abitudini e per The Queen).

Lo stato dell’unione: alla scoperta dei personaggi e del cast

Lo stato dell’unione - Scene da un matrimonio cinematographe.it

A interpretare i due coniugi Louise e Tom, gli attori Rosamund Pike (Orgoglio e pregiudizio, An Education, We Want Sex, nominata all’Oscar e ai Golden Globe come Miglior attrice protagonista per L’amore bugiardo – Gone Girl) e Chris O’Dowd (The IT Crowd, I Love Radio Rock, Le amiche della sposa, celebre per il ruolo del sicario Miles Daly nella serie cult Get Shorty). Le loro sono ovviamente delle presenze costanti dato che la miniserie ruota e si sviluppa interamente intorno agli  incontri a cadenza settimanale della coppia nel pub prima della consueta seduta dal consulente matrimoniale. Ma nel corso dei dieci episodi della stagione inaugurale faranno di volta in volta la comparsa una serie di personaggi secondari chiamati a interagire con i due protagonisti durante la permanenza nel locale: da una coppia di separati al proprietario del pub, passando per degli avventori fissi e occasionali. A interpretarli Janet Amsden, Jeff Rawle, Laura Cubitt, Elliot Levey, Aisling Bea, Sope Dirisu e Jitendra Rai.

Lo stato dell’unione: dove e quando vederla

Lo stato dell’unione - Scene da un matrimonio cinematographe.it

Dieci mini episodi da dieci minuti circa cadauno per altrettante “scene da un matrimonio” ai tempi della Brexit, proposti in un’unica serata sulla TV di Feltrinelli nella settimana di San Valentino. La miniserie, trasmessa da Sundance TV e successivamente da BBC, vincitrice di 3 premi ai Primetime Emmy Awards 2019 (Miglior serie, Miglior attore e Migliore attrice nella categoria Short form Series), andrà in onda su laF (Sky 135) in esclusiva tv per l’Italia, mercoledì 12 febbraio 2020 alle 21.10 e disponibile su SkyGo e Sky On Demand.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE