Roma Cinematographe.it
Scopri il nostro Shop Online

Jorge Antonio Guerrero interpreta Fermín nella decima volta candidato all’Oscar Roma, di Alfonso Cuarón

Roma si sta dirigendo verso la 91a edizione degli Academy Awards, con il titolo già conquistato di film più nominato dell’anno. Insieme a La Favorita, il capolavoro di Alfonso Cuarón è nominato in 10 categorie, tra cui Miglior film, Miglior regista, Miglior attrice e Miglior attrice non protagonista.

Mentre le nominate Yalitza Aparicio e Marina de Tavira sono state una presenza fissa nel circuito dei premi quest’anno, il loro co-protagonista di Roma, Jorge Antonio Guerrero, non ha partecipato a nessuna conferenza stampa degli Stati Uniti perché il suo visto è stato respinto per tre volte.

Guerrero ha parlato con la pubblicazione messicana El Sol de Acapulco dopo che Roma ha ricevuto la sua quota nutrita di nomination agli Oscar e ha detto che i suoi tentativi di partecipare agli eventi stampa degli Stati Uniti per il film sono falliti perché non gli è stato approvato un visto di soggiorno.

Con gli Oscar che si terranno il mese prossimo, Guerrero ora teme di non poter partecipare alla cerimonia in cui il suo film è candidato in numerose categorie. Secondo Guerrero, che interpreta il ruolo di Fermín in Roma, agli inizi del 2018 gli è stato negato un visto per gli Stati Uniti, prima che Roma venisse presentato in anteprima al Festival di Venezia. L’attore voleva visitare gli Stati Uniti come turista, ma gli è stato negato l’ingresso. Gli altri tentativi di Guerrero di ottenere un visto si sono consumati in autunno quando Roma è diventato una potenza nel circuito dei premi.

Venezia 75 – Roma: recensione del film di Alfonso Cuarón

Dopo essere stato nuovamente respinto, l’attore non è stato in grado di partecipare ai gala sostenuti da Netflix per Roma e a cerimonie come quella dei Golden Globes, dove Roma ha vinto il premio come miglior regista e miglior film straniero.

Quello che voglio dire è che è una questione di procedura“, ha detto Guerrero. “È qualcosa che voglio fare e che mi è stata negata dagli intervistatori che mi hanno toccato. Voglio pensarlo, perché se potessimo trovare un modo affinché un ufficiale consolare o qualcuno nell’ambasciata legga quelle lettere di invito, potrebbe capire la figura artistica che sono e lo scambio culturale che si sta svolgendo tra due nazioni.

Guerrero ha detto che durante uno dei suoi tentativi di ottenere un visto in autunno, i funzionari dell’ambasciata degli Stati Uniti a Città del Messico hanno pensato che fosse un lavoratore in cerca di lavoro negli Stati Uniti e non un attore. Gli Oscar si terranno domenica 24 febbraio, dando a Guerrero poco più di un mese per cercare di ottenere l’autorizzazione.