Nail Bomber: Terrore a Londra, il trailer del film Netflix sugli attacchi del 1999

Netflix ha rivelato il trailer di Nail Bomber: Terrore a Londra, il film documentario sugli attacchi a Londra del 1999.

Da leggere

Chi è questa bambina? È una figlia d’arte e un fastidioso imprevisto l’ha gettata fra le braccia di Chris Evans

Attrice britannica classe 1982, figlia d'arte di due genitori attori, nasce a Londra dove, dopo aver frequentato la Bedales...

Snake Eyes: è stato svelato quando arriverà il nuovo trailer del film

Snake Eyes: alcune novità sono in arrivo! Snake Eyes (Snake Eyes: G.I. Joe Origins) è il nuovo lungometraggio appartenente all'universo...

Luca: dov’è ambientato? Le location italiane ispirate alle Cinque Terre

Luca (QUI la nostra recensione), il nuovo gioiello d'animazione Disney-Pixar per la regia dell'italiano Enrico Casarosa (La luna), è...

Nail Bomber: Terrore a Londra debutterà su Netflix il 26 maggio. Il film racconta gli orribili attacchi a Londra del 1999

Nail Bomber: Terrore a Londra sarà un documentario con le vere testimonianze di coloro che hanno assistito a una qualsiasi delle tre esplosioni verificatesi a Londra nel 1999 ed approfondirà il modo in cui l’attentatore David Copeland ha evitato la cattura e il suo eventuale arresto. Inoltre esaminerà attentamente i crimini ispirati dall’odio, con obiettivo una comunità deliberatamente concentrata sugli emarginati. Un esperto di estrema destra coinvolto nelle indagini sui gruppi radicali spiega nel trailer che gli attacchi erano un tentativo di iniziare una guerra razziale.

Per chi non conoscesse i cosiddetti “London Nail Bombing”, ecco cosa è accaduto. Nell’aprile del 1999, un estremista di destra fece esplodere tre bombe a chiodo fatte in casa in tutta Londra. Tre persone furono uccise, quattro persone persero degli arti e più di 140 persone sono rimaste ferite a seguito degli attacchi. Il mercato di Brixton su Electric Avenue è stato il primo obbiettivo il 17 aprile, scelto deliberatamente per la sua affinità con la popolazione nera. Brick Lane, Spitalfields è stato preso di mira il sabato successivo per prendere di mira la comunità asiatica che vive lì. Di seguito il trailer ufficiale pubblicato da Netflix:

Infine il pub Admiral Duncan di Soho è stato scelto perché era un bar gay nel centro della città. Venerdì 30 aprile la terza bomba esplose e la sua esplosione si è rivelata la più devastante, uccidendo tre persone. Tra i morti c’era una donna che festeggiava la sua gravidanza e suo marito è rimasto gravemente ferito. L’assassino era il 22enne David Copeland, che venne arrestato il 2 maggio 1999. Militante neo-nazista, Copeland era un ex membro del British National Party (BNP) e del movimento nazionalsocialista.

Copeland è stato condannato per tutti e tre gli attentati un anno dopo e condannato a sei ergastoli. Nella sua confessione, Copeland ha detto dell’attacco al pub Admiral Duncan:

Ho guardato le persone che stavo per mutilare e uccidere. Non provavo gioia. Non mi sentivo triste. Semplicemente non ho sentito niente.

Leggi anche – Oxygène: recensione del film Netflix di Alexandre Aja

Ultime notizie

Chi è questa bambina? È una figlia d’arte e un fastidioso imprevisto l’ha gettata fra le braccia di Chris Evans

Attrice britannica classe 1982, figlia d'arte di due genitori attori, nasce a Londra dove, dopo aver frequentato la Bedales...

Articoli correlati