The Sandman, Cinematographe.it

L’adattamento di Netflix The Sandman punta a iniziare le riprese in autunno e potrebbe aver trovato il suo primo regista

Secondo The Illuminerdi, Netflix avrebbe ingaggiato il regista britannico Toby Haynes per dirigere alcuni episodi di The Sandman, anche se non è stato detto quanti.
Il curriculum di Haynes sembra un elenco dei generi seriali più popolari del Regno Unito, tra cui Doctor Who, Sherlock, l’episodio Black Call Callister ispirato a Star Trek di Black Mirror e Being Human. Questi crediti suggeriscono che sarebbe adatto a dirigere la fantasia oscura e contemporanea di The Sandman. Non resta che attendere che Netflix o qualcuno coinvolto nel progetto confermi l’accordo.

Durante un panel al Comic-Con @ Home, il produttore David S. Goyer ha rivelato che The Sandman avrebbe già iniziato le riprese se non fosse stato per la pandemia di coronavirus. “Le due cose che occupavano la maggior parte del mio tempo prima del blocco erano questi adattamenti a grande budget sia di Sandman che di Foundation di Isaac Asimov“, ha detto Goyer. “Foundation era arrivato un po’ più avanti. Avevamo filmato circa il 40% della prima stagione quando siamo stati costretti a chiudere, e Sandman avrebbe dovuto iniziare le riprese a maggio. Credo che fossimo nella prima fase della sceneggiatura.

Il trailer del progetto DC Entertainment e Audible

Prima di arrivare al live-action, The Sandman ha visto il suo primo adattamento come audiolibro esclusivo di Audible. Gaiman ha affermato che laddove quell’adattamento è fermamente fedele ai fumetti originali, l’adattamento di Netflix modernizzerà la storia originale.

Facendo le serie TV di Netflix, lo abbiamo considerato tipo ‘Okay, è il 2020, diciamo che stavo facendo Sandman a partire dal 2020, cosa facciamo? Come cambiamo le cose? Quale genere questo personaggio sarebbe? Chi sarebbe questa persona? Cosa accadrebbe? “, ha detto Gaiman. “Per Netflix in questo momento, altri hanno provato a fare alcuni film e adattamenti TV per 30 anni, e hanno attivamente provato a realizzarli per 25 anni, e non hanno mai funzionato. E non hanno mai iniziato a lavorarci a causa di tutti gli effetti speciali e ciò che sarebbe necessario per realizzare quelli effetti speciali. Non hanno mai funzionato perché ciò che dovevamo realizzare era qualcosa destinato a un pubblico adulto. La gente scriveva sceneggiature di film di Sandman e diceva: ‘Ma è un film con rating R e non possiamo avere 100 milioni per un film con rating R’ Quindi, ciò non accadrà.’ Devi arrivare in un mondo in cui la narrazione in forma lunga è un vantaggio piuttosto che uno svantaggio. E il fatto che abbiamo settantacinque numeri di Sandman in più – essenzialmente, 13 libri completi — è materiale che vale, è davvero una buona cosa. Non è uno svantaggio. È dalla nostra parte. Insieme al fatto che siamo in un mondo in cui possiamo prendere le cose che esistevano solo nell’arte dei fumetti e che ora possono esistere nella realtà.