stranger things, cinematographe.it

Netflix riporta che 64 milioni di famiglie si sono sintonizzate sulla stagione 3 della serie drammatica ambientata negli anni ’80 Stranger Things

Netflix vuole che sappiate che molte persone hanno visto la terza stagione di Stranger Things. Nel suo rapporto trimestrale sugli utili, il servizio di streaming ha detto che 64 milioni di famiglie hanno guardato la terza stagione entro le prime 4 settimane dalla premiere del 4 luglio.

La maggior parte di queste visualizzazioni è arrivata subito dopo il debutto della stagione. All’inizio di quest’anno, Netflix ha dichiarato che oltre 40 milioni di famiglie hanno guardato i nuovi episodi di Stranger Things nei suoi primi quattro giorni dal debutto sulla piattaforma.
Netflix considera una “visione” quella di un membro della famiglia che guarda il 70% di un episodio della serie (o il 70% di un film).

Stranger Things è stata rinnovata per la quarta stagione, con il servizio di streaming che ha confermato creatori e showrunner, Matt e Ross Duffer a.k.a. The Duffer Brothers, per un accordo pluriennale di film e serie.

Will ha creato il Sottosopra? [TEORIA]

Stranger Things è una serie televisiva statunitense di fantascienza ideata da Matt e Ross Duffer e prodotta da Camp Hero Productions e 21 Laps Entertainment per la piattaforma di streaming Netflix.
Ambientata negli anni Ottanta nella città fittizia di Hawkins, nell’Indiana, e in parte nel mondo del Sottosopra, è incentrata sulla misteriosa sparizione di un bambino e sulla comparsa di una bambina dai capelli rasati dotata di poteri psichici fuggita da un laboratorio segreto, l’Hawkins National Laboratory.
Quasi tutti gli eventi che accadono nel corso della vicenda sono strettamente connessi al Sottosopra, un’oscura dimensione parallela al nostro mondo, popolata da creature mostruose.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto