Ruby Rose rivela gli abusi subiti sul set di Batwoman

Ruby Rose si sfoga sui social denunciando le precarie condizioni di lavoro sul set di Batwoman.

Da leggere

The Hot Zone – Area di contagio: la vera storia della scoperta del virus Ebola

The Hot Zone - Area di contagio è la nuova serie tv, creata da James V. Hart, di National...

Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli: il sequel è stato annunciato ufficialmente!

Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli: gli incassi hanno fruttato parecchio Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli è...

Cops 2 – Una banda di poliziotti: guida al cast e ai personaggi del sequel con Claudio Bisio

Fanno danni e sono pronti per farli ancora una volta in Cops 2 - Una banda di poliziotti. Una...

Block title

Ruby Rose ha usato Instagram per fare una serie di gravi accuse alla CW

L’ex star di Batwoman, Ruby Rose, si è aperta riguardo alle orribili condizioni di lavoro che ha dovuto affrontare sul set della serie, prodotta da CW. “Adesso basta”, ha scritto la Rose su Instagram, nominando nelle sue stories i produttori della Berlanti Productions Caroline Dries, Greg Berlanti e Sarah Schechter. “Ho intenzione di dire al mondo intero cosa è realmente accaduto su quel set”. Sempre nelle sue stories Instagram l’attrice ha affermato che l’ex capo della Warner Bros. Television Peter Roth avrebbe assunto un investigatore privato per scovare notizie scabrose nei suoi riguardi. L’attrice ha anche accusato l’uomo di aver avuto rapporti inappropriati con le giovani attrici sul set

Ruby Rose ha poi condiviso alcuni video relativi alla lesione al collo che ha subito durante le riprese di Batwoman, l’attrice ha inoltre rivelato di aver avuto una grave lesione alla costola e ha condiviso un video del suo intervento chirurgico scrivendo: “A tutti quelli che hanno detto che ero troppo rigida in Batwoman, che provino ad immaginare di tornare al lavoro 10 giorni dopo questo… 10 GIORNI!!!!!! O l’intera troupe e cast sarebbero stati licenziati”

Successivamente l’attrice ha condiviso il video di un messaggio fatto nel 2019 per annunciare che non sarebbe stata al Comic-Con International di San Diego: “Avrei dovuto pagare una penale se avessi partecipato al Comic-Con, mi avvisarono poco prima dell’evento e la mia presenza era già confermata da diverso tempo, inutile dire quanto fossi amareggiata. Immaginate di accettare di ricevere meno soldi per prendere parte a un progetto che amate molto, e di essere così entusiasti del Comic- Con, e poi sentirvi dire che non possono modificare il programma per farvi partecipare. Mi avevano anche detto che non avrebbero annunciato la mia assenza, ma che dovevo pensarci io”.

Quindi, in chiusura, mi rivolgo ai miei fan, cari fan, smettetela di chiedere se tornerò su quel terribile set, non tornerei per nessuna somma di denaro, neanche se avessi una pistola puntata alla tempia. Ho eseguito gli ordini, e se volevo restare avrei dovuto rinunciare ai miei diritti […] Un membro della troupe ha avuto ustioni di 3° grado su tutto il suo corpo e non ci è stata data alcuna terapia dopo aver visto la sua pelle cadere dalla sua faccia. Sono stata l’unica ad avergli mandato fiori e cartoline, è questo il trattamento che riceve chi lavora per CW.

ViaCBR

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

The Hot Zone – Area di contagio: la vera storia della scoperta del virus Ebola

The Hot Zone - Area di contagio è la nuova serie tv, creata da James V. Hart, di National...

Articoli correlati