Rel, cinematographe.it
REL: L-R: Lil Rel Howery and guest star Leah Jefferies in the “Cleveland” season finale episode of REL airing Sunday, Jan. 13 (9:30-10:00 PM ET/PT) on FOX. ©2019 Fox Broadcasting Co. Cr: Ray Mickshaw/FOX

La serie comedy con protagonista Lil Rel Howery, intitolata proprio Rel, non avrà una seconda stagione alla Fox

La rete ha infatti deciso di cancellare Rel dal palinsesto delle serie della prossima stagione. La comedy era stata creata in collaborazione da Jerrod Carmichael, Mike Scully e 20th Century Fox TV.

C’era già stato un accenno al funesto destino di Rel, quando Fox, lo scorso autunno, ha deciso di tagliare anche la prima stagione di messa in onda che, da 13 episodi previsti, si è ridotta a 12 puntate. Il serial non è riuscito ad approfittare della sua fascia oraria domenicale dedicata agli show per la famiglia. La sua prima stagione ha raggiunto la modesta media di 0,8 di share tra gli adulti dai 18 ai 49 anni e 2,1 milioni di spettatori in Live + 7.

Inoltre, come riporta Deadline, la famiglia Rel ha subito una tragica perdita a gennaio, quando il co-creatore e produttore esecutivo Kevin Barnett è morto improvvisamente mentre era in vacanza in Messico, poco più di una settimana dopo il finale della prima stagione di messa in onda.

Scritta e prodotta da Josh Rabinowitz e Barnett e Howery, Rel si ispirava alla vita vera di di Howery. Lil Rel è un fautore dela politica che ognuno è fautore del proprio destino e deve credere sempre in sé stesso perché solo in questo modo le grandi cose arriveranno. Tutto questo eccesso di positività si scontrerà con la realtà quando l’uomo si accorgerà di essere stato tradito dalla moglie. Così lui cerca di ricostruirsi una sua vita dopo il divorzio come padre single, nel West Side di Chicago, dove cercherà un nuovo amore e un nuovo barbiere.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto