La casa di carta: in arrivo lo spin-off dedicato a Berlino! Ecco tutti i dettagli

Pedro Alonso ha annunciato che tornerà con una storia sulle origini del suo amato personaggio, Berlino!

Berlino avrà una sua serie tv su Netflix! L’amato personaggio de La casa di carta tornerà nel 2023

Durante una giornata a tema La casa di carta, i membri del cast della celebre serie spagnola Netflix si sono riuniti per una massiccia sessione Q&A, dal vivo dal Palacio Vistalegre di Madrid. Presenti più di 5.000 fan, tutti in trepidante attesa del gran finale della serie, atteso per il 3 dicembre. Lì, Pedro Alonso (interprete di Berlino) ha annunciato con entusiasmo che l’universo creato da Alex Pina per Atresmedia cinque anni fa tornerà con una storia sulle origini del suo amato personaggio, Berlino. La serie spin-off arriverà su Netflix nel 2023. Durante l’evento è stato inoltre annunciato che l’attore di Squid Game Park Hae-soo interpreterà Berlino nell’adattamento coreano della serie.

“È un momento memorabile perché è la fine di un ciclo e l’inizio di un altro”, ha detto Alonso al fan event. “Oggi parlavo con Jesús Colmenar e dicevamo che ora camminiamo verso l’ignoto, aperti a qualunque cosa accada e senza aspettative. So che queste persone daranno alla serie ogni possibile svolta”, ha detto, indicando il gruppo di sceneggiatori de La casa di carta, anch’essi presenti all’evento. “La responsabilità (di dare vita a una serie così popolare) può essere un peso e una prigione, spero che continueremo ad avere il coraggio di usare questa meravigliosa energia per rischiare tutto, di nuovo”, ha aggiunto.

La notizia di questo spin-off farà sicuramente molto piacere a milioni di fan, essendo Berlino uno dei favoriti. Tuttavia, il personaggio è stato spesso criticato. Sebbene carismatico, intelligente, divertente e decisamente molto attraente, Berlino è anche misogino, violento e, innegabilmente, un predatore sessuale. In una delle scene più criticate dello show ha fatto sesso con una donna presa in ostaggio, sotto estrema costrizione. Molti spettatori non perdoneranno mai il personaggio per quella violenza gratuita. In effetti, lo stesso Alonso e il creatore della serie Alex Pina hanno entrambi descritto pubblicamente il personaggio come deplorevole, misogino, razzista e, a volte, psicopatico, il tutto nel documentario di Netflix uscito l’anno scorso Money Heist: The Phenomenon.

Leggi anche Squid Game: Arturito de La Casa di Carta la definisce “una serie fascista”

Articoli correlati