Jinn Netflix Cinematographe.it

Netflix ha iniziato la produzione della sua prima serie araba originale: la teen soap sovrannaturale Jinn

La produzione è in corso ad Amman, in Giordania, per la serie che esplorerà “i temi contemporanei della mitologia Jinn con una storia sovrannaturale sull’amicizia, l’amore e l’avventura.” Nel racconto popolare mediorientale i Jinn sono creature soprannaturali, spiriti e demoni.

Prodotto da Kabreet Productions, lo show sarà diretto e prodotto da Mir-Jean Bou Chaaya (Very Big Shot) e prodotto esecutivamente da Elan e Rajeev Dassani (Seam), con Elan in veste di head writer. Rajeev ha contribuito alla stesura insieme a Amin Matalqa (Captain Abu Raed).  La serie da sei episodi, il cui cast sarà in gran parte composto da attori esordienti, è prevista per raggiungere Netflix 2019.

Jinn: Netflix ordina la sua prima serie originale araba

Salma Malhas sarà la protagonista Mira, un’adolescente ribelle ancora devastata dopo la perdita di sua madre che impara ad amare di nuovo quando incontra Keras, interpretato da Hamza Abu Eqab, che ha il compito di sorvegliare i Jinn. Sultan Alkhalil interpreterà Yassin, che lotta con un mondo che sembra coalizzato contro di lui e lo spettacolo seguirà la storia di crescita caratterizzata dalla sua amicizia sovrannaturale con Vera, interpretata da Aysha Shahal.

Il produttore esecutivo e collaboratore dello sceneggiatore Rajeev Dassani ha dichiarato:

Creare il primo prodotto originale arabo Netflix e uno dei primi spettacoli incentrati sull’adolescenza provenienti dal mondo arabo è stata un’esperienza indimenticabile. Abbiamo avuto così tanti ragazzi locali che ci hanno detto che non si sono mai visti ritrarre in modo accurato sullo schermo, ed è sia nostro piacere che nostra responsabilità farlo e, nel far ciò, mostrare tutto ciò che la regione ha da offrire.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto