Castle Rock Cinematographe.it

Attualmente in onda su Hulu, Castle Rock si concentra sulla città immaginaria del Maine che ha innumerevoli connessioni con molte delle opere più celebri di Stephen King

Anziché essere un adattamento diretto di una qualsiasi storia, Castle Rock prende in prestito piccole informazioni dall’universo condiviso di Stephen King condiviso per potenziare una nuova storia, che si traduce in più easter egg e riferimenti che appaiono in ogni episodio. Nonostante non sia stato l’adattamento di una storia specifica, il co-creatore Sam Shaw ha dettagliato quanto le opere dell’autore iconico si siano fatte strada in tutti gli aspetti della serie.

Come un buffet all-you-can-eat, abbiamo cercato di soddisfare tutti i gusti in questo spettacolo – ha condiviso Shaw con The Hollywood Reporter – Parte di ciò è stato dovuto al fatto che siamo dei nerd appassionati di Stephen King. Siamo arrivati al materiale da un luogo di ossessiva ossessione dell’OCD con alcune delle opere che avevano significato molto per noi da bambini. Abbiamo cercato di costruire una storia che fosse coinvolgente e sorprendente e uno show divertente per gli spettatori che potrebbero non identificarsi nemmeno come fan di Stephen King.

Castle Rock: non solo horror

Grazie a storie come Carrie, The Shining e Misery, King è principalmente conosciuto per i suoi racconti di terrore. Tuttavia, Shaw fa in modo di ricordare agli spettatori che non tutte le sue storie coinvolgono assassini soprannaturali o violenti.

Penso che probabilmente ci siano molti fan di Stephen King che non si rendono nemmeno conto di essere fan di Stephen King – ha sottolineato Shaw – Potrebbero non identificarsi come fan dell’horror o del genere narrativo ma chi ama Stand by Me, o Le ali della libertà, potrebbe anche non rendersi conto che sono basati su romanzi di Stephen King, quindi è stato un po’ come un videogame con diversi livelli di difficoltà, anche se speriamo che non sia difficile, abbiamo cercato di costruire una serie che fosse accogliente e accessibile ad un pubblico laico.

Castle Rock: i riferimenti a Stagioni diverse

Tra romanzi come IT o L’ombra dello scorpione, che sono enormi volumi noti per le loro lunghezze, alcuni fan hanno la nozione preconcetta che tutte le opere di King siano immense. Tuttavia, l’autore ha anche realizzato più racconti, con Stagioni diverse che comprende quattro diversi racconti.

Penso che Stagioni diverse parli della profondità della scrittura dei personaggi di Stephen King e della vastità della sua immaginazione – ha osservato Shaw. – Succede anche che ci sia più di una storia in quella collezione che tocca Castle Rock. Il corpo è ambientato in gran parte alla periferia di Castle Rock e Red, il personaggio interpretato da Morgan Freeman ne Le ali della libertà, è in prigione avendo commesso il suo crimine nella città di Castle Rock – e ovviamente anche quest’opera ha un ruolo importante nella serie.

Il corpo è stato infine adattato nel film Stand By Me.

Castle Rock: i riferimenti a Il miglio verde

Mentre la prigione di Shawshank gioca un ruolo di primo piano in Castle Rock ed è una delle creazioni più iconiche di King, l’autore ha anche esplorato il sistema carcerario con Il miglio verde, un romanzo che è stata pubblicata in più volumi.

È l’altro iconico libro della prigione e del braccio della morte [a parte Le ali della libertà] – ha sottolineato Shaw – E in qualche modo ci sono alcuni aspetti della narrazione in questa stagione che interagiscono con Il miglio verde. In qualche modo, è un ritratto al negativo di quella storia, nel senso che è una storia di un prigioniero che sembra essere quasi come Dio o come Cristo nella sua benevolenza, e c’è un prigioniero al centro di questa storia che potrebbe essere qualcosa di molto più inquietante

Il mondo di Castle Rock

A differenza di altre importanti ispirazioni per Castle Rock, non ci sono collegamenti diretti tra la narrativa di La zona morta e la serie TV, sebbene la storia sia una delle poche della biblioteca di King che abbia importanti collegamenti con la città immaginaria.

Sebbene la storia di questa stagione non sia in alcun modo presa direttamente da La zona morta, quello che fa è la prima vera storia di Castle Rock – ha detto il co-creatore Dustin Thomason – Penso che ci sia qualcosa di veramente interessante nel vedere il modo in cui King ha toccato per la prima volta questo posto e il modo in cui lo ha creato.

Castle rock: viaggi inaspettati

Ne La zona morta, un uomo si sveglia dopo essere stato in coma per quattro anni e aver acquisito una capacità soprannaturale di toccare un individuo e vedere il suo futuro. Dopo aver toccato un politico, l’uomo si rende conto che se il politico prende il potere, porterà a un evento nucleare. Le direzioni sorprendenti di questi aspetti hanno giocato una parte importante in Castle Rock. Thomason ha aggiunto:

L’altra cosa che è affascinante ne La zona morta… è che ci vogliono davvero delle direzioni molto inaspettate quando si parla di storytelling. Ha quasi un approccio tipo Psycho di Alfred Hitchcock, in termini di in modo in cui segue personaggi diversi e diverse trame, ma alla fine aggiunge qualcosa di veramente affascinante e sorprendente.

La zona morta è stato adattato sia in un lungometraggio che in una serie TV.

Castle Rock: i riferimenti a Cose preziose

Dopo anni di storie raccontate in modo tangenziale in Castle Rock, King ha rilasciato Cose preziose, che all’epoca era considerata l’ultima storia di Castle Rock. Con le dozzine di storie collegate che sono state pubblicate nel libro nel 1991, questo ha finito per non essere vero, anche se Thomason ha notato che uno dei cittadini più importanti di Castle Rock è stato preso in prestito per la serie Hulu.

Lo sceriffo di Castle Rock in Cose preziose è Alan Pangborn, che è apparso in altre storie di King, come La metà oscura. In Castle Rock, Pangborn è interpretato da Scott Glenn ed è un personaggio chiave nella narrativa.

Il personaggio di Alan Pangborn e il contesto che si ottiene per lui e per la città di Castle Rock e le persone che vivono in quella città e gli strani avvenimenti in cui si apre quel negozio di antiquariato sono tutte cose che potrebbero fornire un ottimo contesto per il nostro show – ha osservato Thomason.

Castle Rock: Stephen King raccomanda di “non andare troppo a fondo”

Probabilmente il più grande motivo del successo di Castle Rock, come indicato dal nome, è il fatto che alla fine esplora un angolo della tradizione di King che viene spesso solo brevemente sfiorato in più narrazioni. Nonostante questa connessione, King stesso ha avvertito gli spettatori di non concentrarsi troppo sulle connessioni alle sue storie in quanto potrebbero distrarsi dalla qualità della narrazione in sé.

L’autore ha avvertito su Twitter:

Castle Rock è davvero valido, ogni episodio è migliore dell’ultimo, ma mettete da parte tutti gli easter egg e godetevelo nei suoi stessi termini. Il cast è fantastico e supporta una storia che vale la pena raccontare.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE