Sergio Leone, la leggenda italiana del cinema western

Da leggere

Loki: la serie tv della Marvel potrebbe andare contro ogni aspettativa

Il capo degli effetti visivi della serie tv Loki dice che la Marvel sfiderà le aspettative WandaVision ha appena concluso...

The Witcher – Stagione 2: nel cast anche un personaggio molto amato

I prossimi episodi di The Witcher potrebbero introdurre un personaggio molto atteso dai fan Sembra che la stagione 2 della...

WandaVision: Evan Peters parla di Quicksilver e dei Marvel Studios

La parola ad Evan Peters sul suo ruolo in WandaVision Ora che WandaVision è finito, l'attore Evan Peters ha finalmente...

Sergio Leone, una leggenda del cinema italiano e un esempio da imitare per il cinema internazionale. Il regista western, scomparso il 30 aprile 1989 a causa di un improvviso attacco cardiaco, è nato e cresciuto a Roma e la settima arte ha fatto parte della sua vita sin da giovane, quando partecipò come comparsa in Ladri di biciclette di De Sica. In realtà Sergio Leone è un figlio d’arte. Nato da papà Vincenzo Leone (in arte Roberto Roberti) e mamma Bice Waleran. Il “piccolo” Sergio dopo esser stato aiuto regista di Mario Bonnard in Gli ultimi giorni di Pompei e di William Wyler in Ben Hur, nel 1961 debutta dietro la macchina da presa con il primo lungometraggio Il colosso di Rodi.

“Il mio regista preferito” – ha dichiarato qualche tempo fa Quentin Tarantino – “al quale mi sono ispirato e al quale vorrei somigliare, è Sergio Leone. Mi considero piuttosto bravo, so di poter migliorare col tempo e sono determinato a farlo, sino alla fine della mia carriera, per questo evito di girare un film l’anno. Eppure, per quanto mi sforzi, non credo che riuscirò mai a girare qualcosa di così perfetto come l’ultima sequenza de Il buono, il brutto e il cattivo. Proverò a raggiungere quel livello, anche se non credo che ce la farò mai”.

Sergio Leone e il western made in Italy

Sergio Leone è il papà del western italiano, e con il western ha giocato. Da Per un pugno di dollari, il rifacimento in chiave western di La sfida del Samurai (Jojimbo) di Akira Kurosawa, con cui Leone è stato accusato e condannato per plagio. Per aver trasformato un Samurai in un pistolero del West e realizzato un vero capolavoro della storia del cinema. L’inizio del successo, forse al principio non troppo compreso! La trilogia del dollaro continua con Per qualche dollaro in più e Il buono, il brutto il cattivo, e nel 1968 esce C’era una volta il West a cui segue Giù la testa, film che chiude il periodo western di Leone. Tutto ciò dal 1961 al 1971. Dopo quasi quindici anni – 10 di preparazione e 3 di lavorazione – è la volta di qualcosa di nuovo: in sala arriva C’era una volta in America, suo capolavoro assoluto.

Il western di Sergio Leone non è un vincente per trama, ma per struttura. Ad aver interessato, accattivato, stimolato, incuriosito critici e spettatori di tutto il mondo sono la tensione, la violenza, l’ambientazione, il ritmo, i dettagli, i primissimi piani, i lunghi silenzi, l’impossibilità di scelta tra il buono e il cattivo o tra il bene e il male. Accanto a tutti questi elementi, le colonne sonore: sorprendentemente originali.

Sergio Leone
Sergio Leone e Ennio Morricone

In tanti hanno “invidiato” la collaborazione tra Ennio Morricone e Sergio Leone, già compagni di classe alle scuole elementari. Il maestro italiano della musica per film ha scritto la sonora di Per un pugno di dollari, e composto la musica per tutta la successiva serie spaghetti-western, fino all’ultimo gangster-movie. Un’amicizia e un legame lavorativo che hanno contribuito al successo di entrambi. A ventisette anni dalla scomparsa di Leone, Ennio Morricone rende omaggio all’amico con la colonna sonora composta per The Hateful Eight di Quentin Tarantino – con tanto di nomination agli Oscar 2016. Che “l’enfant terrible” di Hollywood sia innamorato del cinema di Leone non è una novità… Già fin troppo chiaro con Kill Bill e ancora più evidente con Django Unchained.

Nei prossimi giorni esce nelle sale cinematografiche italiane l’ultimo lavoro di Tarantino, appunto The Hateful Eight, il western sulla neve che ha tanto a che vedere con la “Leoniana memoria”. Un film di cui a Roma si può godere nello Studio 5 di Cinecittà – quello di Fellini –, in 70mm, con overture, intervallo, e un cast da “urlo”. Il cinema in una stanza, tra omaggi, citazioni e critica sociale. E le proiezioni di The Hateful Eight saranno alternate con i film di Sergio Leone, dando il via alla rassegna del Cinecittà Winter Film Show, iniziativa di Cinecittà Studios e Cinecittà si Mostra.

Ultime notizie

Loki: la serie tv della Marvel potrebbe andare contro ogni aspettativa

Il capo degli effetti visivi della serie tv Loki dice che la Marvel sfiderà le aspettative WandaVision ha appena concluso...

Articoli correlati