Se mi vuoi bene Cinematographe.it

Tra gli ospiti delle Giornate Professionali di cinema di Riccione 2019 è arrivato anche Fausto Brizzi, presente alla convention Medusa che ad ottobre distribuirà il suo prossimo film. Il regista è riapparso in pubblico al Cinè in seguito alla bufera me too che lo vedeva coinvolto in una vicenda di abusi nei confronti di alcune donne poi finito in una bolla di sapone, con denunce che non sono mai state formalizzate. Dopo Modalità aereo Brizzi ritornerà in sala con l’adattamento del suo omonimo romanzo Se mi vuoi bene (uscito nel 2015, edito da Einaudi). Come lo stesso Brizzi ha raccontato questa sarà una commedia sentimentale: “È un film sul valore dell’amicizia, del volersi bene; sulla differenza tra mandare un cuoricino  in chat con un’emoji e fare del bene nella vita reale. È un film più sentimentale dei miei precedenti, forse il più simile è Ex” ha concluso Brizzi.

L’inizio di Se mi vuoi bene mostra il protagonista, un avvocato di successo depresso, che cerca un modo indolore per suicidarsi: “Lo trova ma purtroppo non riesce ad uccidersi e non c’è cosa peggiore di provare a suicidarsi e fallire, perché la depressione aumenta” ha aggiunto Brizzi. In più il giorno prima il protagonista si è licenziato, ha parcheggiato in divieto di sosta, ha mandato a quel paese tutti, così la sua vita deve ripartire in salita. Per fortuna il protagonista si imbatte in un luogo, il Negozio delle chiacchiere, dove non si vende nulla ma si chiacchiera solo. È gestito dal personaggio interpretato da Sergio Rubini, che gli fa capire che fare del bene può essere la soluzione per la sua depressione e gli cambia la vita. Così il personaggio di Claudio Bisio decide di prodigarsi per fare del bene alle persone a cui vuole bene, peccato che finirà per devastare la loro vita.

Dalle pagine allo schermo, Fausto Brizzi ha raccontato che un giorno ha ricevuto una telefonata di Claudio Bisio che lo ha letteralmente minacciato, ha raccontato il regista in modo scherzoso: “Claudio mi ha chiamato e mi ha detto ‘Se dovessi fare un film sul tuo libro – Se mi vuoi bene – devo fare a tutti i costi io il protagonista“. E così è stato: “Un percorso alla rovescia, perché non avrei mai scelto Bisio” ha aggiunto scherzando il regista. Nel cast del film ci sono anche Lucia Ocone, Elena Santarelli, Flavio Insinna, Dino Abbrescia, Gianmarco Tognazzi, Nancy Brilli. Fausto Brizzi ha anche annunciato di essere già al lavoro su un altro film con protagonista Christian De Sica, Diego Abatantuono, Sergio Rubini e Angela Finocchiaro intitolato La mia banda suona il pop, che a breve inizierà le riprese in Russia.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto