il lato positivo

Nel 2012 il regista David O. Russell portava al cinema il metodo Excelsior con l’emozionante film Il lato positivo – tratto dal romanzo di Matthew Quick L’orlo argenteo delle nuvole – che portò all’ambita statuetta la giovane attrice protagonista Jennifer Lawrence ed installò nel pubblico un concentrato di sentimentale ottimismo.

Devi fare tutto il possibile, lavorare al massimo e, se rimani positivo, vedrai spuntare il sole tra le nuvole.

Il lato positivo racconta del complesso percorso di Pat (Bradley Cooper), affetto da bipolarismo dopo aver scoperto il tradimento della moglie. Tra pochi alti e molti passi Pat cercherà di tornare alla normalità e riconquistare la donna che lo ha tradito, ma sulla sua strada verso l’equilibrio si imbatterà in Tiffany (Jennifer Lawrence), problematica giovane donna.

Ero una sgualdrina. Ci sarà sempre una parte di me che è smandrappata e sudicia, ma mi piace, come tutte le altre parti di me. Posso perdonare. Puoi dire lo stesso di te, stronzo? Puoi perdonare? Sei in grado di farlo?

Nel film diretto da David O. Russell oltre ai protagonisti Cooper e Lawrence figura anche Robert De Niro, nella parte del padre dell’incasinato protagonista.

Ma ti dico che devi dar retta ai segnali. Quando la vita ti manda un momento come questo è un peccato se non l’afferri. Ti dico, è un peccato se tu non l’afferri. Ti perseguiterà sempre come una maledizione. Hai una grande sfida da affrontare e proprio adesso in questo momento, proprio qui, quella ragazza ti ama, ti ama davvero. Mi raccomando non fare puttanate.

Il lato positivo – Frasi e citazioni del film di David O. Russell

Il lato positivo è un racconto in grado di infondere nuova speranza, tutto attraverso il metodo Excelsior e l’incontro con qualcuno di speciale.

Sai cosa farò? Prenderò tutta questa negatività e la userò come carburante per trovare il lato positivo! È questo che farò! Non è una stronzata, ci vuole impegno!

Con il giusto stato d’animo tutto è possibile. Credo che spesso restiamo impantanati in questo stato di negatività ed è un veleno come nient’altro.

Un percorso che i due protagonisti affronteranno insieme pur ostacolati da personali difficoltà.

Tiffany: Non posso farlo.
Pat: Come sarebbe a dire non puoi farlo, non puoi fare cosa?
Tiffany: Non posso dare la lettera a Nikki.
Pat: Ma che cosa vai dicendo? Come sarebbe non puoi dare la lettera a Nikki?
Tiffany: Perché io che cosa ottengo in cambio? Che stai facendo per me?
Pat: Avevi detto che se scrivevo una lettera tu la davi a Nikki.
Tiffany: Lo so… Io faccio così e lo rifaccio e lo rifaccio. Faccio un sacco di cose per le persone e poi mi sveglio e sono vuota, non ho niente.
Brad: Ma di che stai parlando? A me sembri una ragazza tosta, perché non ti fai le cose da sola?
Jen: Io mi caccio sempre in queste cazzo di situazioni. Io do tutto agli altri sempre, e nessuno mai… Io non ottengo mai quello che voglio, capito?

Ma grazie ad un’altra lettera i personaggi riusciranno a raggiungere una positiva felicità.

“Cara Tiffany, so che hai scritto tu la lettera. Il solo modo di assecondare la mia pazzia era fare qualcosa di pazzo tu stessa. Grazie. Io ti amo. L’ho saputo nel momento in cui ti ho conosciuto. Mi dispiace che ci ho messo così tanto a capirlo. Ero rimasto bloccato. Pat.”

Il mondo ti spezza il cuore in ogni modo immaginabile, questo è garantito. Io non so come fare a spiegare questa cosa, né la pazzia che è dentro di me e dentro gli altri, ma indovinate un po’? Domenica è di nuovo il mio giorno preferito! Penso a tutto quello che gli altri hanno fatto per me e mi sento tipo… Uno molto fortunato!

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE