Vicino all’orizzonte: la storia vera alla base del film tratto dal bestseller di Jessica Koch

Le vicende attingono dall'esperienza realmente vissuta dall'autrice del romanzo

Vicino all’orizzonte è un film del 2019 di Tim Trachte, basato sull’omonimo bestseller autobiografico di Jessica Koch. La pellicola, avente per protagonisti i giovani attori Jannik Schümann e Luna Wedler racconta una vera storia d’amore vissuta dalla stessa scrittrice, quando aveva appena 18 anni. Andiamo a scoprire i fatti reali hanno ispirato il libro e, di conseguenza, il lungometraggio, in onda questa sera a partire dalle ore 21.20 su Rai Due.

La storia vera che ha ispirato il romanzo autobiografico di Jessica Koch, da cui ha attinto il film

Vicino all'orizzonte storia vera Cinematographe.it

Le vicende di Vicino all’orizzonte sono ambientate negli anni ’90, in Germania. Jessica è una diciottenne che ha appena terminato le scuole dell’obbligo e deve decidere quale sentiero imboccare. Tanti dubbi la affliggono, non se la sente di lasciare la casa di famiglia. Pertanto, a differenza della sua migliore amica, trasferitasi a Berlino, preferisce lavorare coi genitori, titolari di un’agenzia di catering. Questo sembra al momento soddisfarla, tuttavia una tessera del puzzle manca: quella dell’amore.

A sconvolgerla in Vicino all’orizzonte è l’incontro con Danny, un ragazzo americano-tedesco che di professione fa il modello. Bello, affascinante e sicuro di sé, sembra tutto perfetto. Tra lui e Jessica scatta subito un’intesa, ma qualcosa impedisce alla relazione di prendere il volo. La ragazza, che non ha idea di cosa possa essere, lo vorrebbe davvero scoprire.

Vicino all'orizzonte storia vera Cinematographe.it

Danny è sempre un po’ sfuggente in Vicino all’orizzonte. Mettendo un muro, confida di proteggere la sua sfera emotiva, segnata da un terribile segreto. Intanto, Jessica stringe un legame con Tina, la migliore amica di Danny, che, a sua volta, ha un passato tormentato. Più il tempo passerà, più i segreti verranno a galla e più in Vicino all’orizzonte cresceranno i dubbi se ne valga la pena viversi appieno i sentimenti. Perché non bisogna pensare troppo al futuro, ma ciò che conta davvero è viversi il presente, cogliere l’attimo.  

Leggi anche Vicino all’orizzonte: ecco tre video interviste ai protagonisti del film

Articoli correlati