La saga di Tremors è composta da una serie di film horror fantascientifici i cui protagonisti sono i Graboid, delle creature preistoriche che vivono nel sottosuolo pronti a fare stragi appena ne sentono il bisogno. I sette film di cui è composto il franchise si sviluppano su un arco temporale che va dal 1990 al 2020. Diretti dai più vari registi – tra cui Ron Underwood e Christopher Gartin – il franchise di Tremors ha una bellissima storia alle spalle e alcune curiosità da sapere assolutamente.

L’idea di Tremors

tremors, cinematographe.it

Lo sceneggiatore SS Wilson ebbe l’idea del film mentre lavorava nel deserto della California per la US Navy. Durante una pausa immaginò cosa sarebbe successo se un predatore sotterraneo lo avesse bloccato lì in quel luogo. Un’altra ispirazione per il franchise fu Dune di Frank Gerbert, a causa dei giganteschi esseri sotterranei da cui i personaggi sfuggono per salvarsi.

Le modifiche alla colonna sonora

tremors, cinematographe.it

Durante la postproduzione, la Universal chiese di cambiare alcune cose della colonna sonora, per renderla più adatta a un film horror. Per questo fu chiamato il compositore Robert Folk che fece le sue modifiche sull’originale composta da Ernest Troost. La versione finale è il mix tra le due colonne sonore.

I personaggi eliminati

tremors, cinematographe.it

Nella sceneggiatura originale c’era un personaggio che poi è stato eliminato per ragioni ancora sconosciute. Il suo nome era Viola, una vecchia signora antipatica di Perdection, in Nevada. Il film doveva proprio iniziare con il personaggio che viene attaccato da un Graboid invisibile e muore nella prima scena.

Gli effetti sonori riciclati

tremors, cinematographe.it

Sapevate che i versi dei Graboid erano già stati usati altrove? Il suono è stato usato prima d’ora anche in altri film, tra cui quello più recentemente anche Kong: Skull Island.

Le richieste della Universal

tremors, cinematographe.it

La Universal impose di aggiungere delle scene di violenti attacchi a inizio del primo film, così da rendere più commerciale Tremors. Inizialmente, i produttori volevano tenere nascosta l’identità dell’assassino, ma quando hanno visto che il film aveva del potenziale e poteva avere un ottimo riscontro tra il pubblico, furono aggiunte alcune scene, tra cui quelle di Rhonda che evita involontariamente un attacco Graboid mentre torna al camion e quello di Fred che viene massacrato nel suo allevamento di pecore.

Il finale originale

tremors, cinematographe.it

Rispetto a quello che poi i fan hanno visto, Tremors aveva un finale alternativo. All’inizio Valentine e Rhonda non dovevano innamorarsi, anche se tutto faceva presagire a una loro storia d’amore. Tuttavia questa scelta è stata sostituita da quello poi scelto e visto nel film.

Saturday Night Live chiese ai produttori di cambiare il nome del film

tremors, cinematographe.it

Tremors doveva inizialmente chiamarsi Land shark. Il programma televisivo Saturday Night Live aveva un personaggio ricorrente che si chiamava appunto LandShark e chiese quindi alla produzione di cambiare il titolo per evitare incomprensioni con i fan.

L’ispirazione per il design dei Graboid

tremors, cinematographe.it

Gli artisti degli effetti speciali Alec Gillis e Tom Woodruff jr hanno preso vari pezzi di creature reali come elefanti, coccodrilli, dinosauri, rinoceronti, lumache e pesci gatto che assemblati hanno dato vita ai mostri del film.

Le location del film

tremors, cinematographe.it

Il film è stato girato ad Alabama Hills a Lone Pine, in California, set di vari altri film famosi come Star Trek V del 1989, Il Gladiatore del 2000, Iron Man del 2008 e Man of steel del 2013.

Il regista Ron Underwood è apparso in Tremors?

tremors, cinematographe.it

Il regista non è effettivamente apparso nel film, ma ci era mancato davvero pochissimo. Nel momento in cui bisognava registrare il momento più epocale del primo film, la controfigura di Finn Carter non era presente. Underwood quindi prese una parrucca e si buttò nella mischia, apparendo in alcuni fotogrammi, che sono poi stati tagliati in postproduzione.

La mostra al Museo di Western Film History

tremors, cinematographe.it

Il museo di storia del cinema a Lone Pine in California ha dedicato una zona a Tremors, con un display che presenta un modello in scala del mercato di Chang. Una vera attrazione per tutti i fan della saga.

Il debutto di Reba McEntire

tremors, cinematographe.it

Reba McEntire fu addirittura costretta a rimandare la luna di miele con il collega musicista Narvel Blackstock fino alla fine delle riprese e della premiere di Tremors, il primo film in cui sia mai apparsa.

Leggi anche Sette minuti dopo la mezzanotte e Lewis MacDougall: ecco il segreto della scena finale del film