fbpx

Editoriale | The Room: la tragica interpretazione che ha ispirato The Disaster Artist

Il 27 giugno 2003 usciva a Los Angeles The Room, un film sgraziato, male interpretato e senza norma, come lo è Wiseau. Lo stesso film che ha ispirato James Franco portandolo a realizzare, nel 2017, The Disaster Artist.

Tempo di lettura: 4 minuti

2003: i cartelloni pubblicitari urlano a gran voce l’uscita di un film, The Room, diretto da Tommy Wiseau. “Il Quarto potere dei film brutti”, il peggior film mai realizzato. Questo è stato The Room che sarebbe dovuto essere il racconto di un triangolo amoroso invece poi si è trasformato in una pellicola cult grazie alla trama sconclusionata e alla stravagante performance di Tommy Wiseau. The Room e il suo regista sono entrati nella leggenda anche perché per la realizzazione di questo brutto film sono serviti sei milioni di dollari e sono stati incassati solo 1.800; è andata meglio grazie al mercato home video e alle proiezioni di mezzanotte dei cineclub dove l’opera è stata apprezzata come una commedia grottesca, volutamente mal fatta, e non come un’opera “seria”.

Nel 2017 The Room ha catturato di nuovo il pubblico grazie a The Disaster Artist, l’opera di James Franco, basata sull’omonimo libro di Greg Sestero, amico del regista di The Room e suo coprotagonista (Mark), che descrive la realizzazione del film e l’amicizia con Wiseau. The Disaster Artist di Franco pone al centro proprio il regista, oggi una vera icona, e il suo “disaster movie”: Wiseau viene mostrato per quello che è, un uomo fuori da ogni regola e oggetto di sguardo, o cinefilo o critico, irridente fruitore della settima arte, da parte di chi è vorace cannibale del suo essere non conforme – il modo di camminare, di parlare, quel suo accento, di recitare -, e da parte di chi lo rigetta proprio in virtù di questo suo strano aspetto.

Leggi anche la recensione di The Disaster Artist

Per comprendere meglio la figura di Wiseau, il suo lavoro in bilico tra successo e insuccesso, e anche l’opera stessa di Franco è necessario guardare entrambi i film come testi che portano con sé un bagaglio di indizi, sviscerarli e leggerli proprio alla luce della reciproca complementarietà.

The Room: Wiseau un uomo fuori dalla norma

The Room è un oggetto sgraziato, male interpretato e senza norma, come lo è Wiseau, difficile da classificare e da incasellare, un mistero per gli altri (si ignora la provenienza, la data di nascita, la ragione del suo ingente patrimonio finanziario) e forse anche per se stesso: non lo si può definire regista, neppure produttore, nonostante molti siano i fondi a sua disposizione, neanche sceneggiatore e men che meno attore. Chi è Wiseau? È diventato un’icona, quasi un simbolo contrario del mito americano: come si vede in The Disaster Artist, Wiseau (James Franco) è convinto di avere capacità, di poter arrivare, assieme all’amico Greg (Dave Franco), nell’empireo hollywoodiano, non conoscendo i suoi limiti. Non è in grado di mettersi in contatto con i suoi simili – infatti capita che quando parla non lo capiscano -, distorce la realtà, anzi ne costruisce una tutta sua in cui essere finalmente protagonista e al centro.

Leggi anche I migliori 10 film di James Franco

Wiseau vuole essere buono, un personaggio positivo, ma non capisce (o forse sì) che il mondo circostante o ne è “spaventato” o lo deride, prendendosi gioco della sua diversità – la crudele scena della proiezione al cinema del suo film ne è la prova. Vorrebbe essere l’eroe ma in La tempesta di Shakespeare il regista teatrale gli farebbe interpretare  proprio per il suo aspetto, a tratti spaventoso, quasi mefistofelico, il conturbante e respingente Calibano.

Come in un gioco di specchi The Room, attraverso il film di Franco, e lo stesso Wiseau appaiono estremamente comici, ma anche storie amare di un uomo in bilico tra commedia e tragedia, tra riso e lacrime. Lo spettatore della sua malconcia e strampalata vicenda, proprio perché vista a distanza, su di uno schermo, avverte attrazione e avversione per lui, diversa e la situazione se si è coinvolti, come il cast che lavora al suo fianco, in questo triste e grottesco circo.

James Franco, lui stesso personaggio particolare del cinema a stelle e strisce, non può che rimanere colpito da Wiseau e dalla sua “epica”, come non può rimanere indifferente Hollywood da sempre alla ricerca di un nuovo folle dio da venerare. Franco si posiziona su e investiga il confine tra il ridicolo volontario e il patetismo involontario, la commedia e la tragedia, il “capolavoro” che può nascere dalle “macerie”, la provocazione per la provocazione che forse è solo una richiesta di appartenenza a qualcosa. Dà corpo a un Wiseau perfetto, che ricalca in ogni particolare l’originale, imita i suoi movimenti, il suo modo goffo di vivere e di non sapere fare nulla, donando al suo personaggio un meraviglioso umorismo lunare e malinconico; così mette in scena la storia di un uomo diverso che sembra tristemente e tragicamente solo in questa scalata verso il successo.

The Disaster Artist: James Franco racconta la storia disastrosa (forse) di un film e di un uomo

Franco realizza un’opera complessa, metacinematografica che vive e rivive la “bruttezza”, gli errori, le disarmonie di The Room rifacendole con grande attenzione (i titoli di coda ne sono un esempio), rimettendo in scena lo sgradevole  e dandogli nuova dignità. The Disaster Artist ha la statura del film d’autore, raccontando uno spettacolo alle volte aberrante – la completa incapacità recitativa di Wiseau, le sue stupide manie – con l’interesse di uno studioso che intende comprendere l’umanità di cui fa parte ed appare chiaro che The Room sia un grido disperato di Wiseau per sentirsi parte di un mondo.

The Disaster Artist guarda a The Room come un seguace fa con il suo mentore: Franco prende Wiseau e lo rende ancora più tragicomico, lavora sulla differenza tra la maschera mostruosa che si indossa e si toglie e l’essere in sostanza una sorta di “fenomeno da baraccone”. Penetra nella storia paradossale di un caso e di un uomo fatta di isolamento, emarginazione e imperfezione e dal rapporto tra i due film e i due attori emerge ancora una volta con chiarezza quanto la società idolatri tutto ciò che smuove il dissonante, profondo, rimosso di ognuno di noi facendone oggetto di culto.

Berlinale 2019

FILM AL CINEMA

La scorsa Settimana
11
Karenina & I
08 aprile 2019
Lo Spietato
08 aprile 2019
After
11 aprile 2019
Cafarnao
11 aprile 2019
Dagli Occhi dell'Amore
11 aprile 2019
Hellboy
11 aprile 2019
L'Uomo Fedele
11 aprile 2019
Oro Verde - C'era una volta in Colombia
11 aprile 2019
Tutto liscio
11 aprile 2019
Wonder Park
11 aprile 2019
Quello che i social non dicono - The Cleaners
14 aprile 2019
Questa Settimana
12
Go Home - A casa loro
15 aprile 2019
Il Museo del Prado - La corte delle meraviglie
15 aprile 2019
La Llorona - Le Lacrime del Male
17 aprile 2019
A Spasso con Willy
18 aprile 2019
Cyrano, Mon Amour
18 aprile 2019
Gordon & Paddy e il mistero delle nocciole
18 aprile 2019
Il Campione
18 aprile 2019
Il Ragazzo che diventerà Re
18 aprile 2019
Le Invisibili
18 aprile 2019
Ma cosa ci dice il cervello
18 aprile 2019
Torna a casa, Jimi!
18 aprile 2019
Rapiscimi
19 aprile 2019
Prossima Settimana
6
Ancora un giorno
24 aprile 2019
Avengers: Endgame
24 aprile 2019
Dilili a Parigi
24 aprile 2019
La Caduta dell'Impero Americano
24 aprile 2019
Sarah & Saleem
24 aprile 2019
Un'altra vita - Mug
24 aprile 2019
Dal 2 maggio
7
The Brink
29 aprile 2019
Attacco a Mumbai
30 aprile 2019
Non sono un Assassino
30 aprile 2019
Stanlio e Ollio
01 maggio 2019
I Fratelli Sisters
02 maggio 2019
Le Grand Bal
02 maggio 2019
Non ci Resta che Ridere
02 maggio 2019
Dal 9 maggio
12
John Mcenroe - L'Impero della Perfezione
08 maggio 2019
Che fare quando il mondo è in fiamme?
09 maggio 2019
I Figli del Fiume Giallo
09 maggio 2019
Il Grande Spirito
09 maggio 2019
La città che cura
09 maggio 2019
Pet Sematary
09 maggio 2019
Pokémon Detective Pikachu
09 maggio 2019
Red Joan
09 maggio 2019
Solo cose belle
09 maggio 2019
Ted Bundy - Fascino Criminale
09 maggio 2019
Tutti Pazzi a Tel Aviv
09 maggio 2019
L'alfabeto di Peter Greenaway
12 maggio 2019