film sugli squali - cinematographe.it

Si definiscono film sugli squali quei film che spesso nello squalo vedono l’antagonista principale, un feroce nemico da sconfiggere, dando vita a una battaglia per la sopravvivenza. Più vicini tra i vari generi a quello dell’horror, sono spesso stati associati e promossi anche con tinte drammatiche o comiche, essendo comunque sempre molto popolari e, per la maggior parte, rivelandosi dei successi al box office, in particolare da quando, con l’uso degli effetti speciali, le sembianze degli squali sono diventate sempre più realistiche e spaventose. Inutile dire che il più famoso film sugli squali risale al 1975: Lo squalo, dal titolo originale Jaws che, tradotto letteralmente significa fauci, diretto da Steven Spielberg. Maggior incasso di tutti i tempi e vincitore di tre Oscar tra cui quello alla Miglior Colonna Sonora composta da John Williams, diventata iconica e nota a tutti.

Oltre a i tre sequel Lo squalo 2 del 1978, Lo squalo 3 del 1983 e Lo squalo 4 – La vendetta del 1987, è stato anche seguito da una serie di pellicole che hanno ripreso molto dal film imitandone l’azione e dando luogo anche ad accuse di plagio. All’inizio degli anni 2000, con l’avvento del digitale, che ha reso la creazione degli squali oltre che meno dispendiosa anche molto più verosimile, i registi di questi film hanno avuto modo di progettare praticamente qualsiasi terrificante predatore sottomarino si potesse immaginare. Basti pensare a film come Jersey Shore Shark Attack del 2012 e la serie Sharknado iniziata nel 2013. Mentre Lo squalo viene considerato l’esempio più famoso e riuscito di un film sugli squali ce ne sono molti altri che lo precedono; nessuno di questi è però considerato una svolta nel cinema come quello di Spielberg. I film precedenti sugli squali più importanti sono White Death del 1936 e The Sharkfighters del 1956. Ma quali sono i film sugli squali di maggior incasso e assolutamente da recuperare? Ecco la top 10 dei film sugli squali che hanno incassato di più.

Lo squalo (1975)

Diretto da Steven Spielberg, con Roy Scheider, Robert Shaw e Richard Dreyfuss, il film racconta di un feroce squalo bianco che miete vittime nel New England. A capire la gravità della situazione e tentare di far ragionare il sindaco, preoccupato per il turismo della località, all’inizio sembra essere solo Martin Brody, poliziotto locale, al quale si affiancheranno due esperti. Detenendo il record di maggior incasso nella Storia del Cinema, prima di Guerre Stellari, il film è ancora oggi un classico, che ha incassato 470 milioni di dollari.

Lo squalo 2 (1978)

Per la regia di Jeannot Szwarc, il sequel de Lo squalo segue quasi esattamente la trama del primo, con Martin Brody solo contro tutti a capire la pericolosità di un nuovo squalo, ancora più minaccioso, avvistato vicino alla costa. Con un grande successo al botteghino incassò 77.727.272 dollari diventando il maggior incasso del 1978.

Deep Blue Sea (1999)

Deep Blue Sea, per la regia di Renny Harlin, è uno dei primi film sugli squali a unire al genere dell’horror thriller anche elementi comici assurdi. Coinvolgendo attore come Samuel L. Jackson, Michael Rapaport, LL Cool JJ e Saffron Burrows, il film mostrava squali geneticamente modificati che, attaccando la squadra di un laboratorio, davano inizio una serie di cruente uccisioni. Ricevendo recensioni contrastanti da parte della critica, Deep Blue Sea ha incassato 164,648,142 dollari.

Open Water (2004)

Sebbene la maggior parte dei film sugli squali siano creati dagli studi di Hollywood, Open Water è uno dei primi film sugli squali usciti nei cinema realizzato da una casa di produzione più piccola, la Lions Gate. Basato su una storia vera, Open Water è una pellicola low budget che racconta la storia di due due subacquei che, bloccati nella Grande Barriera Corallina, vengono presto circondati dagli squali. Il film ha incassato 54,7 milioni di dollari, portando alla realizzazione di 2 sequel.

The Reef (2010)

The Reef, diretto da Andrew Traucki, è una produzione australiana corale su un un gruppo di persone naufragate e perseguitate da un grande squalo bianco mentre cercano di salvarsi e sopravvivere su una nave che sta affondando. La particolarità del film risiede nel fato che tutte le riprese di squali presenti raffigurano squali reali. Nonostante l’incasso del film non fu altissimo, la pellicola fu elogiata e acclamata da pubblico e critica.

Sharknado (2013)

Sharknado, diretto da Anthony Ferrante è un film catastrofico, definibile anche comico. Con la premessa di squali lanciati in aria da trombe d’acqua che fino a raggiungere le persone sulla terra. Il pubblico ha accettato lo scherzo e il film è diventato un fenomeno culturale, dando vita a 4 sequel. Il film viene considerato un cult dalla critica. Nonostante questo l’incasso fu piuttosto basso: 200.000 dollari, ma trattandosi di un film per la tv e venendo proiettato un solo giorno a mezzanotte nei cinema, è definibile un successo.

The Shallows (2016)

The Shallows, diretto da Jaume Collet-Serra, si concentra su un aspetto interessante, e cioè quella psicologico della paura degli squali e sull’istinto di sopravvivenza. Con protagonista una surfista solitaria, interpretata da Blake Lively, il thriller a basso budget, ha ricevuto recensioni positive rivelandosi un successo al botteghino, incassando 120 milioni di dollari.

47 Meters Down (2017)

Diretto da Johannes Roberts, il film racconta la lotta alla sopravvivenza di due sorelle, che, durante un viaggio in Messico, convinte da due ragazzi del posto, fanno un’immersione all’interno di una gabbia dalla quale possono osservare gli squali. Quando il cavo di sostegno della gabbia si spezza, le due, con una riserva d’aria limitata e a 47 metri di profondità, rimangono intrappolate e circondate da squali bianchi. Il film, con un ottimo successo da parte del pubblico, ha incassato 62 milioni di dollari dando vita a un sequel nel 2019, meno fortunato del primo

The Meg (2018)

The Meg o Shark – Il primo squalo, diretto da Jon Turteltaub, adattamento di un romanzo horror sci-fi, questa volta propone come nemico un enorme squalo preistorico che attacca un sommergibile che sta viaggiando nelle profondità dell’oceano. Il paleontologo e subacqueo Jonas Taylor, da sempre convinto che questa creature esista, tenterà il tutto per tutto per salvare le vittime dell’attacco. Il film, durante il primo weekend di programmazione negli Stati Uniti raggiunse il primo posto al box office incassando 44,3 milioni di dollari, arrivando a un complessivo incasso di 527,8 milioni di dollari.

 

Leggi anche: I migliori film tratti da storie vere da vedere su Netflix