La bellezza ci salverà: i migliori film francesi dal ’30 ad oggi

Da leggere

Dwayne Johnson debutta su Fortnite nel ruolo di The Foundation [VIDEO]

L'attesissimo evento The End che chiude Fortnite - Chapter 2 ha riservato una grande sorpresa per i fan di...

Halle Berry di nuovo nei panni di Tempesta? L’attrice accetterebbe subito!

Se le venisse data l'occasione, Halle Berry interpreterebbe volentieri la mutante Tempesta in un nuovo progetto sugli X-Men Sin dal...

Jeff Garlin si difende dalle accuse di comportamenti inappropriati sul set

In una nuova intervista, Jeff Garlin sostiene di non essere stato licenziato dalla serie The Goldbergs, smentendo di essersi...

Block title

Il dolore paralizzante che ha coinvolto l’intero globo per gli accadimenti funesti di Parigi non ha bisogno di parole vuote, indegne e inutili. Noi ci limitiamo ad omaggiare la Francia e a ricordare che ciò che ne fa materia di invidia, di stupore, di bellezza è ciò che viene colpito tacitamente e con disprezzo. La bellezza ci salverà. Ne siamo convinti. E da questa premessa il desiderio di offrire immagini di pura poesia filmica francese, per non dimenticare questi giorni e il senso di ciò che veicola un attacco tra i tanti, ad un teatro parigino, al cerchio e al cuore grondante di passione e cultura.

Film francesi: i più belli dagli anni ’30 ad oggi:

La regola del gioco (La Règle du jeu) 1939, Jean Renoir

film francesi

“È ingiusto che soffra solo io. Soffrire in due, invece, è meno noioso.”

Amanti perduti (Les Enfants du paradis)1945, Marcel Carné

film francesi

“Siete sempre stato in me, vi ho pensato ad ogni istante: voi m’avete impedito di invecchiare, di discendere, di rovinarmi. Trovavo la mia vita talmente misera, mi sentivo così sola. Ma dicevo: non dovrai mai essere triste, dovrai essere sempre lieta, perché qualcuno ti ha amata.”

Fino all’ultimo respiro (À bout de souffle) 1960, Jean-Luc Godard

film francesi

“Il dolore è idiota. Io scelgo il nulla. Non è meglio… Ma il dolore è un compromesso. O tutto, o niente”

Effetto notte (La Nuit américaine) 1973, François Truffaut 

film francesi

“Quando incontriamo qualcuno ci domandiamo: cosa pensa di me? Chissà se mi ama. Ma io penso che sia la stessa cosa per tutti gli artisti. Quando Mozart era bambino, e gli chiedevano di suonare, rispondeva: “Ora ti suonerò tutto quello che vuoi, ma prima dimmi che mi ami”.

E poi è il mestiere in cui ci si bacia di più.
Lei lo ha notato, vero? Sì, non facciamo che baciarci: pare che la stretta di mano fu inventata per dimostrare che non si era armati, che non si era nemici, ma per noi questo non basta”

Betty Blue (37°2 le matin) 1986, Jean-Jacques Beineix 

film francesi

“La vita è contro di me. Basta che guardi una cosa e mi accorgo che non ho diritto a niente.”

Léon, 1994, Luc Besson

film francesi

“Ami la tua pianta, non è vero?

È la mia migliore amica. Sempre felice, niente domande ed è come me, vedi? Senza radici.
Se l’ami davvero, dovresti piantarla in mezzo ad un prato in modo che le metta le radici.”

L’odio (La Haine) 1995, Mathieu Kassovitz

film francesi

“Guardale ste pecore rimbecillite dal sistema, guarda quello con la sua aria da stronzo, tutto bellino col giubbotto di culo di capra, è la razza peggiore! Li riconosci? Sono quelli che non muovono un passo sulle scale mobili che si lasciano trasportare dal sistema, sono quelli che votano Le Pen ma che non sono razzisti, sono quelli che vanno in sciopero quando gli si ferma l’ascensore.”

La ragazza sul ponte (La fille sur le pont) 1998, Patrice Leconte

film francesi

“Sa la carta adesiva che attira le mosche,quella a forma di spirale? Io sono così. Le storie sfigate le attiro come mosche, penso che c’è gente che nasce aspirapolvere, che dà sollievo agli altri. Sono perseguitata dalla sfortuna, tutto quello che faccio sbaglio, tutto quello che tocco si trasforma in porcheria.

Come si spiega questo, Adele?
La sfiga non si spiega. È come l’orecchio per la musica: o c’è l’hai o non c’è l’hai.”

Il favoloso mondo di Amélie (Le Fabuleux Destin d’Amélie Poulain) 2001, Jean-Pierre Jeunet

film francesi

“Ebbene, dopo tutti questi anni la sola persona che faccio ancora fatica a delineare è la ragazza col il bicchiere d’acqua. È al centro eppure ne è fuori.”

La vie en rose (La Môme) 2007, Olivier Dahan

film francesi

“Dovrebbe annullare il concerto signora Piaf, sta giocando con la sua vita.

E allora? Bisogna pur giocare con qualcosa!”

Quasi amici (Intouchables) 2011, Olivier Nakache e Eric Toledano

film francesi

“E se è una cozza?”

“Non mi interessa, con lei voglio un rapporto spirito e spirito!”
“Sì ma se lei è una cozza allora è un rapporto tra spirito e cozza!”

La vita di Adele – Capitoli 1 & 2 (La Vie d’Adèle – Chapitres 1 & 2)2013, Abdellatif Kechiche

film francesi

“Essenza ed esistenza sono come l’uovo e la gallina.”

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

00:02:44

Dwayne Johnson debutta su Fortnite nel ruolo di The Foundation [VIDEO]

L'attesissimo evento The End che chiude Fortnite - Chapter 2 ha riservato una grande sorpresa per i fan di...

Articoli correlati