5 motivi per festeggiare i 25 anni de Il silenzio degli innocenti

Da leggere

George Clooney e quel terribile incidente in moto: “Credevo di morire”

George Clooney ricorda il suo incidente in moto del 2018 e di come le persone fossero più interessate a...

Strappare lungo i bordi: le frasi più belle di Zerocalcare

Strappare lungo i bordi ha fatto il suo debutto su Netflix lo scorso 17 novembre e, se alcuni hanno...

Film al cinema: cosa vedere a Dicembre 2021?

Quali sono i film al cinema a dicembre 2021? Sicuramente tantissimi, ma per ora concentriamoci sui titoli più attesi...

Block title

Uscito il giorno di San Valentino di 25 anni fa, il macabro capolavoro di Jonathan Demme Il silenzio degli innocenti è il terzo film in assoluto, dopo Accadde una notte e Qualcuno volò sul nido del cuculo, ad aver vinto i cinque premi Oscar più importanti: miglior film, miglior regia (J.Demme), miglior attore (Anthony Hopkins), miglior attrice (Jodie Foster) e sceneggiatura (di Ted Tally). Ma il thriller raccapricciante con Jodie Foster e Anthony Hopkins merita di essere ricordato (e ri-guardato con un piatto di fave e un buon Chianti) per motivi che sfuggono dai soli premi Oscar, o il suo record al box office. Dopotutto non solo è stato il film che ha consacrato definitivamente il genio malevolo e infido di Hannibal Lecter interpretato da un magistrale Anthony Hopkins, ma ha spianato la strada a tutto un filone di thriller psicologici che hanno, volente o nolente cambiato la storia del cinema moderna.

In onore delle nozze d’argento del film, abbiamo rivisitato cinque momenti topici per ricordare il motivo per cui Il silenzio degli innocenti era – e continua ad essere – il più grande kolossal degli anni ’90…

1. IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI: UN ADATTAMENTO SUPERIORE AL ROMANZO

È l’adattamento cinematografico di un romanzo che in realtà è notevolmente superiore rispetto al libro. La saga è interamente basata sui romanzi di Thomas Harris. L’ordine cronologico delle vicende narrate non rispetta l’ordine di uscita dei film. Alcuni retroscena: Nel 2002, Red Dragon è stato trasformato in un film dal regista Brett Ratner con Edward Norton e Ralph Fiennes e lo stesso Hopkins. Ma molto prima ancora Red Dragon era stato adattato da Michael Mann nel 1986 nel film noir, Manhunter – Frammenti di un omicidio. Ora, se non avete visto Manhunter, è necessario che recuperiate questo gap. Sul serio. Non solo è un capolavoro, ma è un film che ha gettato le basi per il capolavoro dei capolavori. Nel corso degli ultimi 25 anni, Manhunter (che ha come protagonista un agente CSI William Petersen e Brian Cox ) è diventato il fratello più vecchio e trascurato de Il silenzio degli innocenti. Lo straordinario merito di Demme è non solo aver reso grande un film ma è quello di aver reso a sua volta interessante il libro di Harris, difficilmente leggibile senza aver prima visto le efferatezze del genio di Hopkins sul grande schermo.

2. TRE SEQUENZE CHE ATTIRANO LO SPETTATORE:

Si tratta di un master class film in narrazione. L’esempio? Guardare le prime tre sequenze principali del film. La prima ci introduce al nostro eroe, Clarice Starling interpretata da una straordinaria Jodie Foster, mentre  suda e lotta attraverso un percorso ad ostacoli all’Accademia dell’FBI nei cortili di Quantico, in Virginia. Subito, abbiamo capiamo chi è. È una donna in un mondo di uomini. È piccola ma determinato a superare qualsiasi cosa gli si palesi davanti. È tenace e grintosa. Ad un certo punto è chiamata fuori dal suo percorso per incontrare il suo futuro capo, Jack Crawford (Scott Glenn), entra ancora una volta entra in un ascensore pieno allievi più grandi di sesso maschile (e sono tutti di sesso maschile). La sequenza successiva mette la Starling face to face nell’ufficio di Crawford. Lei non sa il motivo per cui è lì, ma vi è un qualcosa che ricopre le pareti della stanza… sono ritagli di giornale sul noto serial killer, Buffalo Bill, e sono mostrate alcune macabre foto delle scene dei delitti e delle sue vittime, tutte curiosamente femminili.  Quando si siede, Crawford le dice che lui vuole che lei vada a parlare con Hannibal Lecter nell’ospedale psichiatrico di massima sicurezza a Baltimora. “Non gli sveli nulla di personale, Starling,” dice. “Mi creda, non voglio che Hannibal Lecter entri dentro la sua testa”. La domanda che attanaglia lo spettatore allora è: Cosa c’entra Hannibal Lecter con le efferate vicende di Buffalo Bill?

Infine, la terza sequenza: Starling viene letteralmente guidata nel mondo sotterraneo di Lecter dal suo carceriere, il dottor Chilton (Anthony Heald), che racconta a Starling che Crawford era molto intelligente nell’usare un’allieva del corso per spronare Lecter (che non ha visto una donna in otto anni). Oh, ecco perché ha ottenuto questo incarico! Ora si rende conto che lei è l’esca. L’insicurezza si mostra in diversi modi sul volto della Foster ed è aggravata soltanto dalle norme del dottor Chilton e dai racconti macabri che lo stesso delinea sul dottor Lecter ( “Nel pomeriggio del luglio 8 del 1981, ha lamentato dei dolori al petto ed è stato portato fuori dalla cella, è stato sottoposto ad un elettrocardiogramma. Quando l’infermiera si chinò su di lui, … “Chilton mostra a Starling una foto che non possiamo vedere, ma che non può essere peggio di quello che stiamo immaginando). Proprio così, prima di aver messo gli occhi su Lecter, il tavolo è stato ben impostato. Il film ha appena 10 minuti di vita, e in queste tre scene, sappiamo chi sono i personaggi … e vogliamo saperne di più.

3. I RUOLI DEL FILM E LA SUA AMALGAMA PERFETTA:

È fuso perfettamente nella sua interezza, fino ai ruoli più piccoli. Non è solo Jodie Foster e Anthony Hopkins (dove ne parleremo in maniera più approfondita nelle sezioni 4 e 5) sono ben studiati e argomentati nei loro ruoli. Anche i comprimari sono di supporto ne Il silenzio degli innocenti. Scott Glenn aveva recitato in Caccia a Ottobre Rosso, probabilmente sembrava un profiler dell’FBI improbabile sulla carta. Nel corso della sua carriera, l’attore spesso è stato scelto per interpretare personaggi che erano strumenti più contundenti dei bisturi chirurgici. Ma Demme conosceva meglio il suo profilo. I due si erano incontrati 20 anni prima in un film a basso budget. Demme aveva co-scritto e prodotto il film e ha dato a Glenn uno dei suoi primi grandi ruoli sul grande schermo. Come Crawford, Glenn rivela un’intelligenza sorniona e un lato manipolativo nei confronti di Clarice Starling.

Si potrebbe dire molto su Anthony Heald nel ruolo del Dr. Chilton, l’ambizione e la disperazione, la fama e l’orgoglio. La sua più grande insicurezza sta nell’estrarre le informazioni dal cervello di Lecter. Con il suo libidinoso sorriso aperto tenta goffamente di flirtare con Clarice Starling, è come un frustrato strizzacervelli incrociato con un fetido voyer. Come Jame Gumb, pseudonimo di Buffalo Bill, Ted Levine è assolutamente terrificante. Con la sua voce profonda e il gusto per la nudita uccide e ritaglia carne dai corpi femminili per il puro piacere sciovisitico, è un vero psicopatico che ripercorre le orme dei villain classici del genere come Norman Bates.

4. JODIE FOSTER: LA NUOVA EROINA DELL’INSICUREZZA:

Jodie Foster interpreta senza ombra di dubbio un nuovo tipo di eroina. Sicuramente non è ai livelli di Sigourney Weaver in Alien, dove la mamma dell’alieno è vittima e carnefice delle sue stesse creature. Detto questo, a parte Linda Hamilton nei panni di Sarah Connor, gli anni ’80 e l’inizio degli ultimi anni ’90 sono stati davvero una triste terra desolata per i film d’azione, per quanto forti i personaggi femminili con intelligenza erano preoccupati. Si potrebbe sostenere che questo è ancora il caso, ma almeno negli ultimi anni sono sbocciati autentiche donne con le palle: Charlize Theron in Fury Road, Emily Blunt in Edge of Tomorrow, Daisy Ridley ne Il Risveglio della Forza, Jennifer Lawrence nei colpi di frusta di Hunger Games, Scarlett Johansson in Lucy, Milla Jovovich in Resident Evil.

Una delle cose che dovremmo tutti amare del cinema di Demme è che ci ha dato un eroe femminile anche vulnerabile e, di conseguenza, umano. Non è un supereroe. Lecter le da uno sguardo e la getta via, sottolineando la sua “buona borsa” e ” le scarpe a buon mercato” e lei si rende conto della sua debolezza: la sua vanità intellettuale. A metà del film, c’è una grande scena in cui Starling e Crawford stanno tornando in auto dopo un’autopsia di una delle donne vittime di Bufalo Bill e lei viene esclusa dalla conversazione perché è una donna. Clarice Starling non ha bisogno di una sua o di chiunque altro protezione o condiscendente, lei è perfettamente proiettata nella realtà moderna e sa badare a se stessa grazie alle sue cicatrici.

5. UN FILM HORROR?

Anche senza possederne le vere caratteristiche, Hannibal Lecter è un classico personaggio da film horror, il cattivo che amiamo odiare. La cosa interessante è che Hopkins appare nel film per 16 minuti. È il più breve lasso di tempo sullo schermo di un premio Oscar come miglior attore. La sua presenza si fa sentire in maniera inquietante nel film, anche quando non è direttamente inquadrato. Anche se Lecter veste i toni sommessi di uno spettro da incubo, egli non mostra nei 15 minuti del film. In tale introduzione, Starling ha appena guardato attentamente nelle viscere ripugnanti del Baltimora State Hospital e poi solo infine, girando l’angolo, arriva a vedere Lecter. Egli sembra quasi come il mostro siamo stati portati ad aspettarci. Il suo orrore è interiore. Annusa in corrispondenza dei fori d’aria nella sua cella e le dice: “Utilizza crema per la pelle Evian. E a volte usa L’Air du Temps … ma non oggi. “Non è il classico mostro che fa Boo! La sua è una sorta di minaccia tranquilla. “Uno che faceva un censimento una volta tentò di interrogarmi. Mi mangiai il suo fegato con un bel piatto di fave e un buon Chianti … FLP, FLP, FLP. ” I continui primi piani sul volto psicopatico di Hopkins danno un tocco di introspezione al personaggio, un maniaco che scruta e osserva ogni mossa del suo avversario. Nel primo incontro possiamo dedurre che Lecter si cibi delle insicurezze di Clarice, poi lentamente questo banchetto si dissolve lasciando spazio all’animo più umano della bestia.

In definitiva le nozze d’argento de Il silenzio degli innocenti cingono di alloro un capolavoro eterno della storia del cinema, rendendo immortale la sua gioiosa e letale luna di miele.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

George Clooney e quel terribile incidente in moto: “Credevo di morire”

George Clooney ricorda il suo incidente in moto del 2018 e di come le persone fossero più interessate a...

Articoli correlati