Hold The Dark, cinematographe.it

Hold The Dark è uno degli ultimi film disponibili in streaming su Netflix ed è davvero un prodotto interessante oltre che “particolarmente oscuro, quasi gotico”: dai lupi agli umani con maschere da animali (in questo caso di lupo). Il regista Jeremy Saulnier, noto al pubblico per i thriller Blue Ruin e Green Room, è andato ora alla ricerca di qualcosa di ancora più primitivo riguardo alla condizione umana. Potrebbero seguire degli spoiler sul film, se non lo avete visto è meglio forse interrompere la lettura dell’articolo.

Il trailer di Hold The Dark

Hold The Dark racconta dell’esperto di lupi, Russell Core (Jeffery Wright), che viene richiamato nelle terre selvagge dell’Alaska da Medora Sloane (Riley Keough) per dare la caccia alle creature che hanno ucciso il suo giovane figlio. Tuttavia, apprende rapidamente che la madre è mentalmente instabile e ha ucciso suo figlio, mandando la contea nel caos mentre lei è in fuga. Suo marito, Vernon Sloane (Alexander Skarsgård), torna dai combattimenti in Iraq e, dopo aver rubato il corpo di suo figlio dall’obitorio, inizia a cacciare Medora. Gli animi della città si mischiano, portando a un massacro della polizia per mano dell’amico di Vern, Cheeon (Julian Black Antelope) e Russell, in collaborazione con il capo della polizia Donald Marium (James Badge Dale) inizia a cercare Medora per portarla davanti al marito.

Tutto ciò è solo un rito preparatorio per la fase clou di Hold The Dark, che vede la storia e il fil rouge tematico unirsi in un finale davvero molto violento. Se magari vi siete persi tra le lande selvagge dell’Alaska proviamo a darvi noi un aiuto.

La recensione di Hold The Dark, il film Netflix

Cosa succede nel finale di Hold The Dark?

Hold The Dark cinematographe.it

Ripensando al suo primo incontro con Medora, Russell deduce che si sta nascondendo a poche ore dalla città che ha descritto come “vicino, dove posso stare al caldo”. Lui e Donald cercano di raggiungerla, ma Vernon li ha già battuti sul tempo: uccide il capo e spara a Russell mentre fugge verso la sorgente. Medora si nasconde davvero lì, sebbene non sia scossa dall’approccio del marito. Vernon spara a Russell con una freccia, poi va a soffocare sua moglie. Si toglie la maschera, si ferma e si baciano appassionatamente prima di crollare per terra.

In seguito, Vernon estrae la freccia da Russell e lo lascia lì fuggendo. Lo stesso Russell tenta di sfuggire dalla caverna strisciando a terra, viene circondato dai lupi che tuttavia desistono dall’attarccarloi. Pochi istanti dopo viene salvato da un gruppo di donne native locali mentre Vern e Medora recuperano il corpo del figlio e, portano la sua bara dietro di loro, si allontanano nella steppa. Il film si conclude con Russell in ospedale, riunito con la figlia (che ha detto essere lì per una motivazione chiave per il suo arrivo in Alaska). Condividono un momento insieme e Russell alla domanda della figlia preoccupata risponde “Poi ti spiego”.

Questo è ciò che accade, ma le motivazioni dietro a molti dei personaggi nell’atto finale – e il significato di gran parte di ciò che è accaduto prima – è lasciato sospeso intenzionalmente da Saulnier.

Il mistero dietro Medora e Vernon

Hold the Dark, cinematographe.it

L’informazione più importante all’interno di questa ambiguità è che, sì, Medora e Vernon Sloane erano fratello e sorella gemelli. Ciò è suggerito in tutta la storia – Medora dice di non aver mai “incontrato” Vernon ma lo ha sempre conosciuto, la donna della miniera dice che la coppia ha gli stessi capelli e gli stessi occhi, e una foto mostra i due da bambini in un ambiente decisamente familiare – e, anche se mai esplicitamente confermato, l’implicazione della loro relazione. Nato dall’inevitabilità. È inevitabile. Questo è più apertamente affermato nel romanzo di William Giraldi su cui si basa il film, si tratta più di una svolta convenzionale che serve a spiegare molto di ciò che è accaduto (Medora è incinta di un altro figlio incestuoso).

Nel film, questa relazione incestuosa è inespressa e la sua spinta alla sopravvivenza è la motivazione chiave della trama. Infatti, è il motivo per cui Medora ha ucciso il figlio – l’atto è chiaramente parallelo ai lupi che mangiano il loro cucciolo per tenere in vita il branco, con lei che cerca di farla andare avanti al ritorno del marito – e spiega la caccia conflittuale di Vernon, esternamente spinto dalla vendetta ma internamente parte di qualcosa di molto più primordiale (come dice Russell all’inizio del film, la vendetta non è la via della natura). Tuttavia, mentre la stretta connessione della coppia – entrambi indossano maschere di lupo in vari punti e mostrano un arduo temperamento che fonde affetto e aggressività – è essenziale per comprendere Hold The Dark, l’incesto è in realtà solo un sintomo di ciò che realmente racchiude questo film.

La metafora del buio e dei lupi

Hold the Dark, cinematographe.it

Hold The Dark è ambientato nelle profondità delle montagne dell’Alaska, in un villaggio così isolato che vedono la polizia di una città vicina come una minaccia e la capitale dello stato Anchorage come nemmeno parte dell’Alaska. Medora vede una spiaggia come una cosa inimmaginabile e Cheeon non ha mai sentito parlare di San Diego. Nel frattempo, Vernon combatte in Iraq ma sembra stordito dal conflitto; Sono nella punta estrema della civiltà, vivono le loro vite a distanza e hanno a che fare con presunti lupi feroci.

Medora parla subito del “buio” che viene già alle tre del pomeriggio, un’assenza soffocante di luce che rappresenta l’ignoto e sembra alterare la quotidianità di quelli che li circondano. In poche parole, il buio è il fil rouge tra umanità e ferocia animale; nel film, vediamo in questo desolato paesaggio l’umanità dei lupi e i lupi nell’umanità. Tutto ciò che la maschera del lupo vuol significare è l’identificazione tra uomo e animale. Al contrario, i lupi agiscono con cura e distanza rispetto all’uomo. Potrebbe anche essere insinuato che tutti e tre i casi di bambini scomparsi fossero delle semplici coperture da parte di genitori fuorviati, ancora una volta infettati dall’oscurità.

Russell non è infettato dall’Oscurità

Hold the Dark, cinematographe.it

Dall’inizio del film sappiamo davvero molto poco della vita di Russell prima di andare in Alaska, solo che è estraniato da sua moglie e sua figlia e si sta immergendo profondamente nella sua vita professionale, nel suo appartamento vediamo inoltre vari dipinti di lupi. In altre parole, è nella sua forma di isolamento, tagliato fuori da gran parte del mondo reale in modo psicologico proprio come gli Sloanes sono fisicamente. Inoltre, che egli è “vecchio” è ricordato ripetutamente, inizialmente da Medora e in seguito, in modo autoironico da se stesso, e c’è una generale inadeguatezza al suo compito originario di cacciare un lupo (anzi, nel primo caso fallisce nel rintracciarli e richiama l’attenzione diretta su se stesso, viene salvato solo dalla loro pietà). Non dovrebbe essere lì, eppure è venuto comunque perché, a quanto pare, non ha nient’altro che la speranza di vedere sua figlia che abita ad Anchorage.

Russell è suscettibile alla stessa dissonanza che porta gli Sloanes ad essere degli assassini, ulteriormente dimostrato dalla sofferenza che lui prova vedendo qui giorni incredibilmente brevi nel lontano nord. Alla fine, però, riesce a trovare una via d’uscita attraverso la connessione umana – inizia a legare con Donald prima della sua morte. La nota finale di lui che si ricollega a sua figlia è un colpo di scena alquanto silenzioso ma deciso di egli che ha ottenuto ciò per cui stava combattendo faticosamente da molto prima dell’inizio del film. Sta raccontando la storia – la ragione per cui Medora gli ha scritto in primo luogo – e così facendo comunica in modo umano, scacciando l’oscurità e proteggendo le generazioni future (nel dettaglio sua figlia).

All’interno di questo c’è uno degli aspetti più ambigui: Russell è distanziato sia da Vernon che dai lupi.

Il vero significato del film Hold The Dark

Hold the dark, cinematographe.it

Come tutti i film di Saulnier, Hold The Dark è uno sguardo brutale e irremovibile dalla vita e alla morte. Tuttavia, mentre in Green Room la trama riguardava i giovani che accettavano la mortalità inevitabile, qui c’è qualcosa di più grande. L’importanza della famiglia, il passare delle generazioni e le relazioni sono presenti in molte forme in tutto il film: la relazione spaccata di Russell con sua figlia; La moglie di Donald incinta del suo primo figlio a 43 anni; e, naturalmente, i molti bambini morti.

Hold The Dark diventa così una narrazione più grande rispetto alla sopravvivenza, guardando la nostra comprensione dell’umanità e la minaccia delle tendenze animalesche. Tutto ciò che accade di orribile viene dall’isolamento e dalla rimozione dalla società, con quello che porta gli Sloan soprattutto ad avvicinarsi al lato più brutale della natura. È impossibile distinguere le azioni loro e quello dei lupi – Medora ha ucciso suo figlio con istinti di sopravvivenza simili a lupi e alla fine sia l’uomo che la bestia hanno pietà di Russell. Il finale vede Russell che si ricongiunge con sua figlia dopo essere tornato alla civiltà mentre il triangolo degli Sloane si addentrava all’interno della steppa. La famiglia è tornata oltre il limite dell’oscurità, in quel luogo dove uomo e natura becera convivono.

Tutto ciò potrebbe rendere il film davvero una desolante metafora – in termini di toni, immagini e performance degli attori – quasi troppo pesante per i nostri tempi, ma la redenzione di Russell e il ricongiungimento con sua figlia rappresentano il bagliore della luce della civiltà che illuminano il film. Hold The Dark non vuole in alcun modo demolire le remote comunità dell’Alaska, ma sta semplicemente evidenziando la natura oscura e animalesca di tutti noi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto