Buon compleanno Ivan Silvestrini! Biografia, carriera e vita privata del regista di 2Night e Monolith

Ecco tutto quello che sappiamo sulla biografia, la carriera e la vita privata del regista italiano di Monolith e 2Night, Ivan Silvestrini.

Ivan Silvestrini, regista di film come Monolith e 2Night e che nella sua carriera ha collaborato spesso con Riccardo Milani, Paola Randi e con attori come Matilde Gioli, Giuseppe Maggio, Matteo Martari, Claudio Bisio, Lino Guanciale e moltissimi altri, è uno dei registi italiani di talento apprezzato anche all’estero, dove si è fatto conoscere fin dai suoi primi lavori. La sua produzione è ampia, ma soprattuto si interessa a un genere sempre più in voga anche in Italia e che il regista ha saputo sfruttare al massimo, avvicinando pubblico e operatori del settore, e cioè quello delle web serie. Piccoli corti visibili online che permettono di raccontare storie più o meno complesse. Ecco tutto quello che sappiamo sulla biografia, la carriera e la vita privata del regista e sceneggiatore Ivan Silvestrini.

Biografia di Ivan Silvestrini

Ivan Silvestrini

Classe 1982, nato il 22 gennaio a Roma, e che compie quindi oggi, 22 gennaio 2021, i suoi 40 anni, Ivan Silvestrini ha iniziato a farsi conoscere girando cortometraggi e, successivamente, web serie. Dopo essersi iscritto alla facoltà di Arti e scienze dello spettacolo, scegliendo l’indirizzo Cinema, ha cominciato a girare dei corti, trovando lo studio universitario molto teorico e volendo trasformare in pratica ciò che stava imparando. Proprio uno di questi cortometraggi è stato il suo biglietto d’ingresso al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, dove Ivan Silvestrini si è diplomato nel 2009 con il suo decimo corto, co-prodotto da Medusa Film, dal titolo Avevamo vent’anni, e del quale è anche sceneggiatore.

La carriera del regista

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ivan Silvestrini (@ivansilvestrini)

Inizia poi successivamente per Ivan Silvestrini una fortunata carriera nel mondo delle web serie, la prima, realizzata in lingua inglese, dal titolo Stuck – The Chronicles of David Rea che gli permette di essere conosciuto anche oltre oceano, viene infatti distribuita sia su YuoTube che sulla piattaforma statunitense Koldcast TV. La web serie racconta la vita professionale di David Rea, emotional trainer che, ogni giorno, affronta e aiuta un cliente con difficoltà nell’ambito emozionale. Composta da 9 episodi, più una puntata 0 come prologo, e con un cast di nomi già noti del cinema italiano, totalizza, nelle prime 2 settimane, 25.000 visualizzazioni, arrivando 4 milioni negli Stati Uniti, con un 2,8% di utenza proveniente anche da altri Paesi. Vincitrice di numerosi riconoscimenti, la web serie si aggiudica il premio come Miglior web serie alla 1ª edizione del Roma Web Fest. Successivamente Ivan Silvestrini realizza altre web serie, tra cui Una grande famiglia – 20 anni prima, un sequel del suo cortometraggio Avevamo vent’anni, in onda su Raiplay, di genere romantic drama, Under, di genere Young adult/Urban fantasy, basata sul romanzo, dal titolo omonimo e scritto da Giulia Gubellini, altro grande successo con 1 milione di visualizzazione in Italia e vincitrice del Nastro d’argento web e della 2ª edizione del Roma Web Fest. Nel 2011 poi Ivan Silvestrini approda al cinema, con i film Come non detto, 2night, Niente può fermarci, Monolith, Arrivano i prof e Dragonheart Vengeance. Il regista e sceneggiatore partecipa, dal 2019, anche al mondo del piccolo schermo, dirigendo la serie tv italo-spagnola insieme a Riccardo Milani, Lontano da te e come co-sceneggiatore della serie tv Netflix, Zero.

Vita di privata di Ivan Silvestrini

Ivan Silvestrini

Della vita privata di Ivan Silvestrini purtroppo non si hanno informazioni e anche sul suo profilo Instagram, dove conta 22.000 follower, il regista tiene lontana dai riflettori e dagli schermi la sua sfera personale e privata. Come lui stesso afferma, è appassionato di fotografia, talento e interesse che coltiva quando non è sul set a girare o a scrivere storie e sceneggiature.

 

Leggi anche Buon compleanno Jim Carrey! Le 5 interpretazioni più iconiche, fra comicità e malinconia

Articoli correlati