fbpx

Editoriale | Perché Bernardo Bertolucci è l’ultimo grande maestro del Novecento?

Perché Bernardo Bertolucci è l'ultimo grande maestro del Novecento? Ecco l'eredità che ci ha lasciato il regista premio Oscar.

Tempo di lettura: 5 minuti

Se ne è andato oggi, all’età di settasette anni, l’ultimo grande regista del Novecento, Bernardo Bertolucci. Regista, poeta, documentarista, polemista, uno dei più grandi autori del cinema italiano, è stato ed è tutto questo ma anche molto di più Bertolucci, nato a Parma il 16 Marzo del 1941, figlio del poeta Attilio e fratello del regista e sceneggiatore Giuseppe. Amico di Pasolini, di Moravia e della Morante, si è cibato di arte in tutte le sue forme e tutto è confluito nell’amore per il dramma, per le scene madri, per l’approccio mitico e popolare. Attraverso la sua opera, scandalosa, intellettuale e autoriale, proprio per il suo background culturale, per la sua fede politica, per il suo ateismo, ha composto il canto dell’Italia, della politica e dell’uomo. Dai film in cui ha sperimentato se stesso e il suo cinema alla cinefilia, dai lavori low budget alle produzioni internazionali, dalla provincia italiana alla visione internazionale Bertolucci è stato Bertolucci, con uno stile, una poetica, un modus narrandi unico nel suo genere e rappresentazione di un sistema valoriale ben definito, impossibile da ripetere e da emulare.

Bernardo Bertolucci: addio al maestro

Bernardo Bertolucci: padre di un cinema vitale ed energico

Bernardo Bertolucci Cinematographe.it

Il conformista, un libero atto di libertà, Novecento, sintesi della storia italiana, Ultimo tango a Parigi, Il té nel deserto, Piccolo Buddha e L’ultimo imperatore, il film da nove Oscar, fino a Io e te il regista non ha mai tradito se stesso, rimanendo il padre della Nouvelle Vague italiana, assieme a Marco Bellocchio, e confermandosi sempre il grande autore che è stato, capace di interpretare, capace di portare sullo schermo ciò che gli altri non sono riusciti a portare (L’ultimo imperatore), raccontare le pagine della nostra storia e di chi siamo stati e, forse in parte siamo tutt’ora. Il suo è un cinema che si fa atto d’accusa, che arriva fin nel profondo, declinato in tutte le sue più calde, tormentate e “patetiche” sfumature, usa l’occhio cinematografico in modo nuovo e rivoluzionario, si fa padre di nuovi movimenti di macchina, quindi anche di nuovi punti di vita.

Leggi anche Ultimo tango a Parigi: Bertolucci ammette: ‘la scena del burro non fu consensuale’

Bertolucci è stato in grado di sviscerare l’erotismo più violento ed estremo, come ad esempio nello scandaloso Ultimo tango a Parigi, addirittura incestuoso (La luna), di penetrare nella crisi quella morale e sociale (Prima della rivoluzione), quella dei più giovani (The Dreamers, Io e te), di chi deve ribellarsi e vendicarsi di una vita sbagliata (Il conformista). Racconta la morte (La commare seccaIl tè nel deserto) e la più profonda “mancanza”, quella del padre (Io ballo da sola), di una guida, di sé. Bertolucci nelle sue storie perlustra ogni singolo giorno dell’individuo, indaga il più profondo desiderio con la stessa passione e bramosia di quando mostra l’impeto rivoluzionario – storia e privato si stringono per la prima volta in un abbraccio intenso -, tanto quello comunista (in Italia, in Francia, in Cina) quanto quello fascista.

Bernardo Bertolucci: un grande conoscitore dell’uomo

Bernardo Bertolucci Cinematographe.it

Il grande narratore di favole erotiche, scure, politiche, crepate dalla crisi, è un grande conoscitore dell’uomo, solo, disperato, prigioniero di se stesso e degli eventi, colto nel momento in cui attende di trovare qualcosa o raggiungere qualcuno, in procinto di partire o appena arrivato. Al centro ci sono gli ultimi come i primi, i borghesi come i proletari affondando il suo occhio in un tessuto sociale animato da scosse telluriche di cui lo spettatore diventa partecipe, rimanendo vittima di spasmi di pietà come anche di nausea. La sua è una filmografia dei corpi, “pianeti” che errano, si struggono nei più segreti tormenti, oggetti desideranti che si intrecciano e avviluppano l’uno all’altro, rappresentando la carnalità senza censure né omissioni, filmografia che gli è valsa la nomea di regista trasgressivo e oltraggioso.

Scrive un canto politico anche quando narra il sesso, ad esempio nello struggente e desolato Ultimo tango a Parigi in cui un appesantito e invecchiato Marlon Brando possiede, usa, odia una Maria Schneider altrettanto desiderosa di lui e portatrice di un dolore, di uno strazio simili. Due sconosciuti si incontrano, passano ore a consumarsi rotolando in uno sconsolato orgasmo di solitudine e disperazione; è una storia questa che all’epoca dell’uscita ha aperto una complessa vicenda giudiziaria e anche censoria, che non ha fatto sconti al regista – tornato a parlare in più di un’occasione di alcune scene di questa pellicola in cui è stata coinvolta l’attrice.

Bernardo Bertolucci e la sua claustrofilia

Bernardo Bertolucci Cinematographe.itBertolucci è uno dei pochi a saper raccontare mondi interi racchiusi in quattro mura, è la chiusura in una “stanza” a far sì che il cineasta, costretto a causa di un’operazione mal riuscita da ben 12 anni sulla sedia a rotelle, entri ancora più in profondità, collocando la macchina da presa ad un’altezza a lui funzionale, nei suoi personaggi. Uno scantinato, un appartamento, una stanza, sono luoghi in cui emergono, come in un utero-prigione, paure, solitudini, speranze di uomini e donne, di giovani e adulti, di disperati che portano sulle spalle il dramma di un’intera generazione. Mette in scena la claustrofilia, quell’amore per i luoghi chiusi in cui ci si rifugia, ma dove anche si trova ispirazione per risollevarsi, rigenerarsi, combattere, usa l'”appartamento”, nel senso dell’appartarsi, per tagliare fuori dal mondo i suoi personaggi che lì iniziano a ricercare il proprio posto. Nell’appartamento di The Dreamers, ad esempio, i fratelli Isabelle e Théo, legati da un rapporto inscindibile, figli della borghesia francese, si vogliono e si amano, e portano nel loro mondo, fatto di cinefilia e erotismo, l’americano Matthew, affascinato e imprigionato come capita allo spettatore che viene dolcemente e profondamente turbato da quel cinema di continua ricerca, da un regista che ha trasformato la settima arte, il modo di raccontare e la visione del mondo.

Bernardo Bertolucci, il grande imperatore di un cinema che mancherà

Bernardo Bertolucci Cinematographe.it

Bertolucci è un cineasta atipico e affascinante, che supera lo scandalo, il dogmatismo, e consegna alla Storia un’opera contaminata dalla psicanalisi, dalla dottrina marxista, e dalla musica, elemento fondamentale per comprendere il suo lavoro. Tra una danza erotica e una col pugno alzato, “ambigua” ed esistenziale, studia il dentro, portandolo fuori, esplora l’intimo, facendo emergere ciò che c’è nell’uomo di più nascosto, tirando fuori quell’io spaventoso, disturbante, ma anche più profondo che proprio quando viene alla luce si dimostra lontano, sconosciuto, quasi nemico di se stesso. Bertolucci per l’arte è un Dio laico e pagano, colui che ha inventato un movimento di macchina, che ha creato e dato forma alle cose, che ha riscritto il cinema con un febbrile occhio e con una incontenibile voglia; è un ribelle che ha distrutto la tradizione, narrato un mondo in continuo mutamento, un uomo in preda allo smarrimento.

Un uomo intellettuale ma anche nazional popolare, visionario ma fortemente radicato alla terra; è riuscito ad essere un maestro che ha viaggiato in lungo e in largo in tutto il Novecento assorbendo luoghi, cose, persone portandole su grande schermo. Se è vero che, come ha detto il regista, “non si può vivere senza Rosselini”, è vero anche che per noi, formati, piegati, “costruiti” sul suo cinema, sarà molto difficile vivere senza Bertolucci: non ci sarà più la sua carrellata, i suoi dolly, le bandiere rosse svolazzanti sulla città, i suoi erotici racconti d’amore e di dolore. Il cinema sentirà profondamente la sua mancanza e lo spettatore sarà irrimediabilmente e tragicamente più solo.

Berlinale 2019

FILM AL CINEMA

La scorsa Settimana
11
Karenina & I
08 aprile 2019
Lo Spietato
08 aprile 2019
After
11 aprile 2019
Cafarnao
11 aprile 2019
Dagli Occhi dell'Amore
11 aprile 2019
Hellboy
11 aprile 2019
L'Uomo Fedele
11 aprile 2019
Oro Verde - C'era una volta in Colombia
11 aprile 2019
Tutto liscio
11 aprile 2019
Wonder Park
11 aprile 2019
Quello che i social non dicono - The Cleaners
14 aprile 2019
Questa Settimana
12
Go Home - A casa loro
15 aprile 2019
Il Museo del Prado - La corte delle meraviglie
15 aprile 2019
La Llorona - Le Lacrime del Male
17 aprile 2019
A Spasso con Willy
18 aprile 2019
Cyrano, Mon Amour
18 aprile 2019
Gordon & Paddy e il mistero delle nocciole
18 aprile 2019
Il Campione
18 aprile 2019
Il Ragazzo che diventerà Re
18 aprile 2019
Le Invisibili
18 aprile 2019
Ma cosa ci dice il cervello
18 aprile 2019
Torna a casa, Jimi!
18 aprile 2019
Rapiscimi
19 aprile 2019
Prossima Settimana
6
Ancora un giorno
24 aprile 2019
Avengers: Endgame
24 aprile 2019
Dilili a Parigi
24 aprile 2019
La Caduta dell'Impero Americano
24 aprile 2019
Sarah & Saleem
24 aprile 2019
Un'altra vita - Mug
24 aprile 2019
Dal 2 maggio
7
The Brink
29 aprile 2019
Attacco a Mumbai
30 aprile 2019
Non sono un Assassino
30 aprile 2019
Stanlio e Ollio
01 maggio 2019
I Fratelli Sisters
02 maggio 2019
Le Grand Bal
02 maggio 2019
Non ci Resta che Ridere
02 maggio 2019
Dal 9 maggio
12
John Mcenroe - L'Impero della Perfezione
08 maggio 2019
Che fare quando il mondo è in fiamme?
09 maggio 2019
I Figli del Fiume Giallo
09 maggio 2019
Il Grande Spirito
09 maggio 2019
La città che cura
09 maggio 2019
Pet Sematary
09 maggio 2019
Pokémon Detective Pikachu
09 maggio 2019
Red Joan
09 maggio 2019
Solo cose belle
09 maggio 2019
Ted Bundy - Fascino Criminale
09 maggio 2019
Tutti Pazzi a Tel Aviv
09 maggio 2019
L'alfabeto di Peter Greenaway
12 maggio 2019